Incendio Porto Marghera, i sindacati ternani: “Dolore e sgomento, ci uniamo alle famiglie”

La Fiom Cgil Terni aggiunge la sua voce a quella delle sigle nazionali: “Sicurezza e salute devono essere centrali”

L'incendio divampato ieri a Venezia

Un incidente drammatico, quello avvenuto ieri a Porto Marghera, che pone nuovamente al centro del dibattito il tema della sicurezza sul lavoro. 
“Penso qualcosa non abbia funzionato in tema di sicurezza e va verificato rapidamente – aveva detto ieri Riccardo Colletti della Filctem nazionale - Personalmente avevo avuto a che fare qualche tempo fa con la 3V Sigma per gli stessi temi, avevamo avuto problemi con uno scambiatore e lo Spisal intervenne per alcune verifiche e per mettere alle strette l'azienda in termini di sicurezza. La preoccupazione è per le sostanze disperse nell'ambiente, oltre che per i feriti in primo luogo, che non dovrebbero essere persone del posto”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E infatti, come emerso nella serata di ieri, i due lavoratori ustionati - ora ricoverati - provengono proprio da Terni, e così la Fiom Cgil Terni non può non tornare su una delle questioni più sentite dai sindacati: “Ci uniamo al dolore e allo sgomento dei famigliari dei lavoratori feriti nell’esplosione in un’azienda a Porto Marghera, tra i quali anche due nostri concittadini – afferma la Fiom in una nota -. La sicurezza e la salute dei lavoratori devono essere sempre centrali nel rapporto di lavoro, è intollerabile che gli infortuni, a Terni e nel paese, siano direttamente proporzionati all’andamento del Pil. Quando succedono fatti come quelli di Porto Marghera siamo tuti sconfitti: imprese, sindacati e istituzioni, perché significa che c’è ancora da fare per tutelare i lavoratori e le lavoratrici indipendentemente dalla loro cittadinanza e residenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento