Incendi

Boschi in fiamme, sei roghi in altrettanti giorni nel Ternano: ecco cause e pericoli

Oltre all’emergenza vento, i vigili del fuoco sono dovuti intervenire in diverse situazioni da Attigliano a Ferentillo. Colpa di superficialità e distrazione

Sei incendi segnalati tra domenica 24 febbraio e venerdì 1 marzo rispettivamente ad Attigliano, Valle Antica di San Gemini, Porchiano del Monte, Ferentillo, Guardea e via Malnati nella mattinata odierna. Una ‘microemergenza’ che ha fortemente impegnato i vigili del fuoco di Terni e del distaccamento di Amelia nel sedare le fiamme. Sono state giornate piuttosto intense, anche e soprattutto a causa delle forti raffiche di vento, che hanno imperversato su tutta la provincia. Quattro le squadre che normalmente intervengo per l’ordinaria amministrazione così distribuite in termini di personale: quindici in città, cinque ad Amelia ed Orvieto. La reiterazione di chiamate, già dal pomeriggio di sabato, ha dunque previsto una turnazione rafforzata fino a sette unità in più. I VVF, coadiuvati dai dipendenti della sala operativa, hanno svolto il consueto ottimo lavoro, riuscendo a sopperire a tutte le difficoltà incontrate

Incendi boschivi ed incendi da ordinaria amministrazione

Non si può considerare una emergenza quella andata in archivio, sottolineano i vigili del fuoco, nonostante la frequenza con la quale sono stati chiamati in causa nei giorni scorsi. Questi tipi di fenomeni sono piuttosto frequenti soprattutto al Nord Italia rispetto a quanto può accadere, in inverno, al centro della penisola.

Ciò che invece si sottovaluta è proprio il grado di pericolosità, pressoché identico, che sussiste tra le diverse stagioni. Il vento locale che si va a sommare a quello più comune (ad esempio la tramontana, ndr) la vegetazione secca e la carenza di piogge in quest’ultimo periodo, sono elementi determinanti nel concausare la propagazione di incendi boschivi. A questi va aggiunto il rischio di ignorare il pericolo, da parte di qualcuno. Accedere un fuoco in un bosco, in questa stagione, può produrre effetti identici rispetto a quello che può accedere in estate. Naturalmente le temperature più elevate possono essere fattore ancor più scatenante, comunque non meno incidente di quelle miti.

In altri casi, come ad esempio imperizia e cause accidentali, possono incidere sulla diffusione delle fiamme: ecco perché occorre prestare massima attenzione. Il lavoro svolto dai vigili del fuoco è stato anche quello di selezionare in modo certosino le problematiche emerse, dando doverosa priorità alle situazioni più delicate. Al tal proposito, l’attività di coordinamento con gli agenti della polizia locale ha dato enormemente i propri frutti, riportando alla normalità contesti in cui era a rischio l’incolumità delle persone.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Boschi in fiamme, sei roghi in altrettanti giorni nel Ternano: ecco cause e pericoli

TerniToday è in caricamento