Incendio all'Asm di Terni, i risultati delle analisi Arpa: nessun impatto su aria e ambiente

Verificate le concentrazioni di polveri sottili ed eventuali conseguenze sulle matrici ambientali del rogo che la settimana scorsa ha danneggiato un macchinario e un capannone a Maratta

“I risultati ottenuti a seguito delle analisi effettuate dai tecnici di Arpa Umbria, sui dati raccolti dalle strumentazioni presenti in zona, consentono di affermare che l’incendio sviluppatosi il 15 aprile scorso presso l’impianto gestito da Asm Terni a Maratta, non ha avuto impatti sulla qualità dell’aria né sulle altre matrici ambientali”.

L’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente ha ultimato le analisi sugli effetti dell’incendio che la settimana scorsa ha colpito un capannone per lo stoccaggio dei rifiuti di Asm Terni.

“L’intervento effettuato nella mattinata stessa dell’evento, subito dopo la segnalazione da parte dei vigili del Fuoco di Terni – scrive Arpa - ha permesso di acquisire una serie di misurazioni sull’aria in ambiente a ridosso della parte di capannone interessato dall’incendio, sia attraverso una centralina mobile, sia attraverso la centralina fissa che si trova ad una distanza di circa 360 metri dall’impianto. Nei giorni successivi, i tecnici di Arpa hanno effettuato tutte le operazioni previste in questi casi, per poter verificare l’impatto della combustione dei rifiuti sulla qualità dell’aria e sui possibili depositi al suolo”.

La relazione finale ha quindi tenuto conto di tutta una serie di passaggi e di analisi che hanno riguardato i dati relativi a velocità e direzione del vento, le concentrazioni di polveri fini Pm10, Pm2.5 e Pm1 misurate con campionatore portatile la mattina stessa dell’evento presso il sito impiantistico, l’analisi dei dati rilevati in continuo dalla centralina di monitoraggio della qualità dell’aria “Maratta”, posta a circa 360 metri dal luogo dell’incendio, con riferimento ai parametri Pm10, Pm2.5, confrontati con i valori dei giorni precedenti e ai parametri biossido di azoto (NO2) e monossido di carbonio (CO), associabili alla combustione, confrontati con i valori misurati nelle ore precedenti e successive all’incendio, le diossine, Pcb e idrocarburi policiclici aromatici (Ipa) determinati con analisi chimica sui filtri di Pm10 e Pm2.5 campionati dalla centralina Maratta nella giornata interessata dall’incendio, diossine, Pcb e idrocarburi policiclici aromatici (IPA) determinati nelle deposizioni atmosferiche raccolte presso la stessa centralina”.

In base ai risultati ottenuti nella campagna di rilevazione, secondo Arpa si può affermare che l’incendio non ha avuto alcun impatto nella qualità dell’aria nel giorno 15 aprile e seguenti; infatti anche la ricerca delle deposizioni non ha evidenziato particolari criticità per le altre matrici ambientali e la eventuale trasmissione alla catena alimentare”.

Particolare attenzione è stata prestata per le acque di spegnimento dell’incendio, sia quelle all’interno del capannone, sia quelle defluite all’esterno. In entrambi i casi, “le acque sono state raccolte in apposite cisterne e sottoposte successivamente alla loro caratterizzazione per la definizione del loro destino finale, si è provveduto ad una serie di trattamenti chimico fisici di depurazione, come previsto dalla normativa vigente”.

L’incendio si era sviluppato intorno alle 7.30 su un nastro trasportatore prossimo all’uscita dal capannone ed aveva interessato la parte “secca” del rifiuto, già separata dalla parte organica e dai residui metallici; oltre al nastro, l’incendio aveva interessato anche l’adiacente porzione di capannone, in struttura metallica.

L’incendio, domato in pochi minuti, risultava già spento alle 8.20, ed è risultato circoscritto al nastro gommato e ad alcune tamponature del capannone, nonché ad una quantità di rifiuto giacente sul nastro quantificabile in circa 40 kg.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il direttore generale di Arpa, Luca Proietti, e il direttore del dipartimento Umbria Sud, Francesco Longhi, hanno sottolineano come: “Eventuali conseguenze sull’ambiente e sulla salute dei cittadini sono stati scongiurati grazie al tempestivo intervento dei vigili del fuoco del comando di Terni. L’accurato monitoraggio da parte dei tecnici di Arpa ci ha consentito, inoltre, di valutare l’assenza di fenomeni negativi per l’ambiente”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Raccordo Orte-Terni, si apre voragine sulla carreggiata: traffico in tilt ed intervento del personale Anas

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento