Incendio nel bar di un distributore di benzina, intervento provvidenziale dei vigili del fuoco

Gli operatori del 115 sono intervenuti alle tre di questa notte per spegnere le fiamme all’interno del pubblico esercizio situato in zona Terni Est. Intervento della consigliera regionale Alessandrini

foto di repertorio

Un intervento provvidenziale, volto a scongiurare conseguenze maggiori. Alle 3 di questa notte i vigili del fuoco di Terni sono accorsi nella zona est della città, quartiere Borgo Bovio. Il motivo è causato da una segnalazione arrivata da un metronotte alla sala operativa, dopo quanto stava accadendo nel bar all’interno del distributore Eni Agip.

Gli operatori del 115 hanno constatato che si stava propagando un incendio e provveduto immediatamente a spegnere le fiamme. Sono stati accertati danni da fumo e da calore scongiurandone altri maggiori. Iniziate le indagini da parte del nucleo polizia giudiziaria dei vigili del fuoco che sta lavorando insieme alla squadra mobile della questura, per accertare le cause del rogo. 

Sembra che l'incendio sia di origine dolosa, ma restano da chiarire le modalità con cui le fiamme sono state appicate ed il movente che avrebbe mosso gli eventuali "piromani". Da segnalare che, in passato, non ci sarebbero stati episodi o minacce ricevute dal proprietario del bar. Sono stati infine acquisiti i filmati di videosorveglianza.

“Mi auguro venga fatta presto chiarezza in merito all'incendio che si è scatenato la scorsa notte all'interno del bar di un distributore di via Tre Venezie a Terni, causando ingenti danni. Se confermato quanto sta emergendo in queste ore dalle indagini in corso, si tratterebbe di un atto doloso”. Così il consigliere regionale Valeria Alessandrini (Lega) confidando “nel lavoro delle Forze dell'ordine per risalire, eventualmente, ai responsabili di un gesto criminale da condannare fermamente senza se e senza ma”. Se venisse accertata la natura dolosa del gesto – commenta l’esponente umbro del Carroccio – sarebbe un fatto che non appartiene a questa comunità, un attacco insensato e grave verso un'attività del territorio ternano e rappresenterebbe, nei modi e nelle intenzioni, un colpo inferto a tutta la città che lavora onestamente e nel rispetto comune”. “Quello della sicurezza – continua Alessandrini - è un tema sul quale la Lega è sempre presente ad ogni livello. Da consigliere regionale – conclude - continuerò a lavorare in tal senso per tutelare cittadini, famiglie, commercianti e realtà attive del territorio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • La profumeria ecobio e l’idea creativa di un’imprenditrice ternana: “Ispirata da una filosofia di vita”

Torna su
TerniToday è in caricamento