Rifiuti in fiamme, l’esito delle prime rilevazioni di Arpa: “Nessun pericolo per la popolazione”

Il direttore generale Luca Proietti: “Ad andare bruciati sono stati unicamente i rifiuti presenti al momento sul nastro trasportatore e già selezionati”

foto di repertorio

Un brusco risveglio per i cittadini ternani che hanno potuto osservare la nube alzarsi dalla zona di Maratta. Stamattina infatti è andato a fuoco una porzione di un capannone presente all’interno dell’impianto Asm dopo che le fiamme si sono propagate da un nastro trasportatore: “La nostra Agenzia – ha dichiarato il direttore generale di Arpa, Luca Proietti - ha subito attivato le proprie strutture e siamo in grado di affermare che, al momento, i risultati delle prime rilevazioni effettuate, grazie all’utilizzo di una centralina mobile per l’analisi istantanea dell’inquinamento, non hanno evidenziato situazioni di pericolo per la popolazione o l’ambiente”.

 “Nei prossimi giorni – ha aggiunto Proietti - Arpa sarà in grado di fornire tutti i dati relativi all’eventuale presenza di sostanze nocive nell’aria, causate da questo incendio. Oltre ai dati della centralina mobile già acquisiti nel corso dell’evento, analizzeremo infatti i filtri della centralina fissa di Arpa Umbria situata proprio a Maratta, nelle immediate vicinanze dell’impianto”. La centralina, che fa parte della rete umbra di monitoraggio della qualità dell’aria, ha infatti potuto rilevare l’impatto dell’incendio sull’area circostante, recuperando attraverso gli appositi filtri della strumentazione, l’eventuale presenza di microinquinanti e metalli.

incendio maratta terni-2

Le dinamiche del rogo

L’incendio, diffusosi intorno alle ore 7.30, è stato spento completamente, grazie all’intervento dei vigili del fuoco di Terni, nell’arco di un’ora e non ha coinvolto persone. L’area interessata dalle fiamme è quella destinata alla selezione dei rifiuti, che vaglia gli indifferenziati dai materiali metallici e dalla frazione organica. Le fiamme si sono propagate da un nastro trasportatore dello stesso impianto, e hanno poi interessato anche la porzione di capannone, in struttura metallica, adiacente allo stesso nastro trasportatore.

Ad andare bruciati sono stati unicamente i rifiuti presenti al momento sul nastro e già selezionati, non riguardando quindi né materiali metallici né quelli della frazione organica.

L’intervento immediato dei tecnici di Arpa, guidati dal Direttore Generale Luca Proietti e dal neodirettore del dipartimento Umbria Sud Francesco Longhi ha consentito di effettuare delle rilevazioni in tempo reale della presenza di sostanze nocive, attraverso l’impiego della centralina mobile, che consente di effettuare immediatamente un’analisi delle sostanze presenti in atmosfera. La limitata estensione dell’incendio e la sua breve durata, oltre a condizioni meteo favorevoli, hanno permesso alla nube di disperdersi rapidamente".

La Lega: emergenza ben gestita

"Siamo in costante contatto - dichiara in una nota il gruppo consiliare della Lega -  con l’assessore all’ambiente che insieme ai suoi uffici si è immediatamente attivata per valutare il sito e l’impianto Asm a Maratta dove stamattina si è sviluppato un incendio subito domato. La situazione è sotto controllo, la stessa Arpa afferna che dai primi rilevamenti effettuati attraverso centraline mobili non risultano problemi per la salute dei cittadini e dai prossimi giorni verranno svolti controlli con centraline fisse e non ci saranno conseguenze per la gestione dei rifiuti. Ringraziamo i vigili del fuoco, e tutte le forze dell’ordine per il loro tempestivo intervento". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"E’ triste che si colga sempre l’occasione da parte di qualcuno di strumentalizzare, per alzare una polemica fuori luogo. L'episodio di questa mattina è circoscritto, rientra nelle dinamiche che possono instaurarsi in qualunque impianto di trattamento dei rifiuti. Occorre dire piuttosto che non ci sono state conseguenze degne di nota né sull'impianto stesso, né - dato fondamentale - sulle maestranze, così come al momento non risultano complicazioni ambientali. Il buon governo della Lega ha dato una ulteriore prova di efficienza con una mobilitazione tempestiva e competente. Siamo sicuri che i ternani sapranno giudicare, soprattutto chi nei momenti di difficoltà, non pensa che a fare polemica, ma agire per il bene della comunità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Terni a luci rosse, “lucciole” e trans venduti come schiavi del sesso: ecco l’operazione Doña Claudia

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

  • "Sognava di diventare medico". Gli amici e le istituzioni ricordano Maria Chiara. Oggi l'autopsia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento