menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto Giacomo Sirchia

foto Giacomo Sirchia

Coronavirus: “Interventi restrittivi automatici con 250 casi su 100 mila abitanti”. Quattro comuni del ternano interessati

La nota congiunta del dottor Claudio Dario e Massimo D’Angelo commissario all’emergenza Coronavirus regionale per ciò che concerne il settore della scuola

Una possibile ulteriore stretta, oltre alle normative già in auge a livello nazionale. Il Comitato tecnico scientifico ha infatti espresso il proprio parere, sull’attuale situazione epidemiologica, anche a seguito della riunione tenutasi – lo scorso 29 gennaio – con il Nucleo epidemiologico. In quel frangente venne illustrata un’analisi dettagliata, da cui si riscontrano andamenti diversi fra i vari distretti sanitari. Alcuni dei quali mostrano un andamento crescente importante e molto più pesante dell’andamento medio regionale, rilevando incidenze maggiori di 200 casi su 100.000 abitanti in diversi comuni.

Come è noto, lo scorso 21 gennaio, è stato approvato il piano scuole ‘Fase 3’ e successivamente dato parere favorevole per la riapertura delle attività scolastiche in presenza al 50% :“Vincolando tale misura all’inibizione di qualunque attività collaterale, alla luce della significativa incidenza dei contagi rilevata nel territorio regionale, con variazioni provinciali importanti e incidenza di base significativa che potrebbe rapidamente evolvere”.

A tal proposito il Cts ha espresso un nuovo parere, inviato anche ai ventinove sindaci interessati – tra questi i comuni di Amelia, Attigliano, Calvi dell’Umbria, Lugnano in Teverina dove si evince al suo interno: “Laddove venissero rilavate variazioni in incremento che dovessero superare i valori di 200 casi per 100.000 abitanti su base settimanale, si renderà necessario una rivalutazione delle misure in seno al Comitato Tecnico Scientifico. Laddove il suddetto parametro si attestasse sul valore di 250 si ritiene di proporre l’adozione di automatici interventi più restrittivi”. E’ dunque presumibile che si possano adottare, a livello territoriale, delle ordinanze specifiche sul tema.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Progetto Liberati, una rivoluzione per la città di Terni: “Dalle criticità alle opportunità”. Viabilità, infrastrutture e trasporti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento