“La Valle delle Streghe è diventata Valle della Speranza”, la Comunità incontro ricorda don Pierino

Quattro anni fa la morte del sacerdote. Nicolasi: “C’è un vuoto incolmabile dentro di noi, ma stiamo seguendo i suoi insegnamenti per lottare contro vecchie e nuove dipendenze”

Don Pierino Gelmini

A quattro anni dalla morte di don Pierino, domenica 12 agosto don Stefano Giaquinto celebrerà una messa per ricordare il fondatore della Comunità Incontro Onlus Molino Silla di Amelia. Quest’anno la ricorrenza della scomparsa del “don”, come lo chiamavano i suoi ragazzi, coinciderà con la visita parenti dei ragazzi ospiti che si tiene una volta al mese. Sarà una giornata in cui verrà ricordato il coraggio di don Pierino che ha strappato alla morte migliaia di giovani finiti nella spirale della tossicodipendenza.

La storia

Era il 13 febbraio del 1963 quando Don Pierino incontrò a Roma Alfredo, un tossicodipendente. Alla sua richiesta di aiuto, il don non esitò a rispondere decidendo non solo di accogliere Alfredo nella sua casa, ma anche di impegnarsi per aiutare le vittime di droga, alcol e altre dipendenze. Poi il 27 settembre del 1979 don Pierino, insieme ad un gruppo di ragazzi finiti nel tunnel della droga, scelse di lasciare Roma per trasferirsi ad Amelia nella Valle delle Streghe, ora diventata Valle della Speranza. Una lotta, quella di don Pierino, che ha portato avanti negli anni e fino alla fine. Un sacerdote che non ha esitato a tendere una mano ai più deboli o meglio agli ultimi.  Il 12 agosto del 2014, dopo tanta sofferenza, don Pierino Gelmini è tornato alla casa del Padre.

Approfondisci qui la vita vita di don Pierino Gelmini

Lotta alle dipendenze. Vecchie e nuove

“La morte di don Pierino – spiega Giampaolo Nicolasi, responsabile di struttura – ha lasciato un vuoto incolmabile fra tutti noi. Don Pierino è sempre presente tra noi e vive con noi. Stiamo seguendo i suoi insegnamenti per aiutare tutte quelle persone che ci chiedono aiuto. Lui ha lottato contro le vecchie dipendenze: quelle da sostanze. Noi ci ritroviamo a lottare contro vecchie e nuove dipendenze (alcol, ludopatie, cyberbullismo, bullismo). I fatti di cronaca parlano chiaro: overdose, spaccio, rave party a base di coca e mdma, come è accaduto qualche giorno in Sicilia. I ragazzi cercano, soprattutto nel fine settimana, lo sballo assumendo droghe o alcol. Altra ‘moda’ è il binge drinking, ovvero l’abbuffata da alcol, diventata una moda tra i giovanissimi di età compresa tra i 13 e 19 anni. Sempre più giovani che si rivolgono a noi per chiedere aiuto: sono poliassuntori, ovvero mischiano cocaina, alcol, eroina, mdma, ed hanno una doppia diagnosi. Non solo alcol e dipendenza da sostanze. Il gioco d’azzardo è un’altra dipendenza contro cui stiamo lottando. Anche in questo caso aiutiamo le persone ad uscire da questa spirale devastante, anche economicamente, per intere famiglie. Si stanno perdono i veri valori della vita. Basti pensare a persone che si uccidono a causa di condizioni economiche disagiate oppure compiono atti estremi, in preda alla disperazione, come la mamma 27enne di Terni che ha partorito e abbandonato il proprio figlio, appena nato, in una busta davanti ad un discount. Se ognuno di noi denunciasse situazioni di disagio o chiedesse aiuto quando ne ha bisogno, forse si potrebbero evitare situazioni estreme come raccontano i recenti fatti di cronaca”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • Tragedia ad Arrone, muore una giovane mamma: “Siamo tutti sotto choc, increduli e scossi”

  • FOTO | Controlli a tappeto fra Terni e Narni. Posti di blocco al confine con la città

Torna su
TerniToday è in caricamento