rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca

Il ladro dei matrimoni al giudice: rubo perché mi hanno sospeso il reddito di cittadinanza

Ternano in trasferta a Soriano nel Cimino svaligiava le auto degli invitati alle cerimonie, arrestato dai carabinieri: ora è ai domiciliari

“Mi hanno sospeso il reddito di cittadinanza e non sapevo come andare avanti. Ecco perché rubavo”. Quarantacinque anni, di origini pugliesi ma residente a Terni, l’uomo è stato arrestato nella giornata di domenica 5 settembre dai carabinieri di Soriano nel Cimino in collaborazione coi colleghi del nucleo radiomobile di Viterbo perché sorpreso a rubare nell’auto di uno degli invitati alla festa di nozze dove l’uomo si era intrufolato. E non era la prima volta.

I militari si erano infatti appostati dopo avere ricevuto una serie di segnalazioni di “razzie” consumate a matrimoni, cresime e altri festeggiamenti.

E così domenica – come ricostruisce il sito Tusciaewb – i carabinieri hanno messo sotto osservazione il banchetto di una coppia di neosposi viterbesi. Il 45enne – vestito di tutto punto, a bordo di una berlina Mercedes con tanto di coccarda d’ordinanza e un bel bouquet di fiori sul pianale posteriore – si è presentato intorno alle 15. Dopo il brindisi con gli sposini, ha aspettato che gli invitati entrassero nel ristorante e poi ha cominciato ad “ispezionare” il parcheggio, cercando un bersaglio da colpire.

La sua attenzione è stata attirata da una Fiat 500: i carabinieri lo hanno visto estrarre uno spadino dalla giacca, con cui ha forzato la portiera, aprendola, per poi rubare dall’interno dell’auto un paio di portafogli. A questo punto è scattato l’intervento delle forze dell’ordine e l’arresto in flagranza.

Dopo una notta in cella di sicurezza, ieri mattina l’uomo è stato interrogato dal pm Chiara Capezzuto e nel corso dell’udienza di convalida dell’arresto ha cercato di giustificarsi dicendo al giudice, Francesco Rigato, di avere rubato perché rimasto senza il sostegno del reddito di cittadinanza che percepiva da un anno e mezzo.

Giustificazione che però non è servita a molto: niente più feste e banchetti, visto che resterà ai domiciliari fino al giorno del processo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il ladro dei matrimoni al giudice: rubo perché mi hanno sospeso il reddito di cittadinanza

TerniToday è in caricamento