Coronavirus, tracciamenti saltati. Latini: “Potenziato il personale. L’obbligo della quarantena nella lettera della Usl”

Il primo cittadino Leonardo Latini riferisce in consiglio comunale: “Aspettiamo il provvedimento per capirne la portata dopo la soluzione trovata sabato al Cor”

foto di repertorio

Nel corso della seduta del consiglio comunale di lunedì 9 novembre, è intervenuto il sindaco Leonardo Latini. Il primo cittadino ha fatto il punto della situazione su alcuni temi, relativi all’emergenza sanitaria, ed in particolar modo la gestione delle ordinanze contumaciali, dei tracciamenti e criticità evidenziate durante l'emergenza. Come già anticipato, proprio sabato scorso, al termine della riunione del Cor, a Foligno, è stata trovata una soluzione che dovrebbe sicuramente snellire la procedura, relativa all'obbligo di quarantena.

“Per molto tempo i sindaci hanno sollevato la questione relativa alle ordinanze contumaciali. Una gestione – sottolinea Leonardo Latini - che riguardava tutti i primi cittadini dell’Umbria. Nella riunione Cor di sabato è stata discussa all’ordine del giorno. Ebbene, la proposta formulata da Anci è stata accolta. Dovrebbe uscire un provvedimento della regione a breve. L’obbligo contumaciale - di rimanere a casa - sarà annesso nella lettera in cui la Usl attesta la positività al test. Comunicazione analoga – aggiunge il sindaco - per la revoca della contumacia. Tuttavia dobbiamo capirne la portata del provvedimento. Inoltre verificare se il database elaborato potrà essere utilizzato per altri scopi, come ad esempio estrarre dati e pianificare la questione relativa alla raccolta di rifiuti ed altri servizi. Un tema che aveva tenuto banco, causato disagi a molti cittadini e fortunatamente è arrivato a soluzione, nella giornata di sabato”.

Tracciamenti saltati. “Anche questo tema più volte evidenziato. Mi dicono, nelle interlocuzioni quotidiane, che è stato reclutato personale ulteriore e ha preso servizio. La moltiplicazione dei casi – osserva Latini - ne consegue che anche i lavoratori stessi vengano colpiti e devono purtroppo assentarsi. Implementato, inoltre, ulteriore personale USCA". Il sindaco rimarca: “Ho colloqui quotidiani con l’ospedale di Terni. Fino a qualche giorno fa la situazione era più critica rispetto ad ora, che comunque resta critica. La regione è intervenuta per alleggerirla e garantire al meglio l’assistenza e le cure. L’obiettivo comune è far fronte all’emergenza pandemica”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uno store internazionale di abbigliamento apre in centro a Terni. Al via le selezioni: “Entro la fine del 2020 l’inaugurazione”

  • Coronavirus, ecco il farmaco più efficace contro ansia, depressione e panico da pandemia

  • Giovane donna dorme sotto la fermata dell’autobus, scatta la gara di solidarietà nel quartiere

  • Coronavirus, nove decessi e 344 guarigioni. A Terni superata la soglia dei 1600 attuali positivi

  • Coronavirus e scuola, l’annuncio della presidente Tesei: gli studenti della prima media tornano in classe

  • Sposta le transenne e finisce con l’auto nel cemento fresco, il sindaco: chieda scusa a tutti i cittadini

Torna su
TerniToday è in caricamento