menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto di repertorio

foto di repertorio

Coronavirus, Leonardo Latini: “La curva dei contagi ha ripreso ad innalzarsi”. L’appello del primo cittadino ai ternani

Il sindaco commenta le decisioni adottate dalla Regione su scuola e commercio: “Serve un ulteriore sforzo da parte di tutti noi per uscire da questa situazione che stiamo affrontando ormai da un anno”

Una curva del contagio che è tornata a crescere, a partire da inizio marzo, nella città di Terni. A seguito dell’andamento epidemiologico verificatosi sul capoluogo di provincia, la Regione dell’Umbria ha adottato una serie di provvedimenti che riguardano da vicino anche la città. Nella fattispecie la sospensione dal 15 marzo dei servizi socio-educativi della prima infanzia e dei servizi educativi della scuola dell’infanzia. A livello regionale tutte le scuole primarie e secondarie dovranno tornare a svolgere le lezioni con modalità a distanza al 100%. Novità che interessano anche le attività commerciali poiché anche a Terni, come su tutto il territorio regionale, il sabato e già dal 13 marzo, potranno restare aperti tutti i negozi di vicinato. Il sabato dovranno invece restare chiusi, dalle ore 14, le medie e grandi superfici. Rimarranno chiusi per tutto il fine settimana i centri commerciali. La domenica potranno restare aperte solo farmacie, presidi sanitari, ottici, generi alimentari, prodotti agricoli e florovivaistici, edicole, librerie e tabacchi.

L’appello di Latini

Il primo cittadino Leonardo Latini ha commentato i nuovi provvedimenti concertati: “Si tratta di misure di contenimento per le quali la Regione ha tenuto conto dei dati epidemiologici. Purtroppo questi nuovi provvedimenti coinvolgono anche Terni al termine di una settimana, nella quale, la curva dei contagi ha ripreso ad innalzarsi dopo che per un lungo periodo era rimasta sostanzialmente bassa e stabile. Si è deciso dunque d’intervenire soprattutto sulle scuole, mentre per quel che riguarda il commercio c’è la possibilità di tenere aperti i negozi di vicinato nel pomeriggio del sabato nel rispetto, naturalmente, di tutte le normative anti Covid. Serve dunque un ulteriore sforzo da parte di tutti noi per uscire da questa situazione che stiamo affrontando ormai da un anno. Ci troviamo in una fase delicata, ma nella quale comunque iniziamo a vedere una via d’uscita, grazie anche alla campagna di vaccinazione in atto"

"Per questo – conclude il sindaco rivolgendosi ai cittadini - rivolgo un appello ai ternani chiedendo a tutti di rispettare le nuove disposizioni, soprattutto di evitare gli assembramenti, nella speranza che sia davvero un ultimo sacrificio da compiere per il bene dell’intera comunità”. Infine segnaliamo che il primo cittadino ha ricevuto l’esito del tampone il quale è risultato negativo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento