menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Maltempo, il racconto: quattro ore d’inferno, mai vista una pioggia così intensa

Cominciano ad arrivare le prime stime, il sindaco di Alviano Giovanni Ciardo: fra case allagate, frane e strade interrotte abbiamo duecentomila euro di danni

Ammonta ad oltre 200mila euro la prima stima dei danni subiti dal territorio di Alviano a seguito del maltempo dei giorni scorsi. Ne dà notizia il sindaco, Giovanni Ciardo, che ricorda come in poche ore siano caduti oltre 100 millimetri d’acqua che hanno provocato grosse difficoltà di gestione in diverse aree del territorio comunale.

Non ho memoria di una precipitazione così intensa ad Alviano”, commenta Ciardo che sottolinea poi i dati della protezione civile. “Diverse sono state le abitazioni allagate, gli smottamenti e le interruzioni di strade comunali, cui si è aggiunto l’allagamento del sottopasso della stazione ferroviaria.

Per oltre quattro ore, squadre dei vigili del fuoco coadiuvati dai volontari della protezione civile hanno operato con pompe idrovore. “Insieme a protezione civile e vigili del fuoco – continua il sindaco – siamo riusciti a far fronte ad una situazione che in alcuni momenti si è rivelata molto critica”. Ciardo sottolinea poi l’importanza operativa dell’apertura del centro operativo comunale con il supporto dei tecnici Anci della F.A. Nord-Ovest dell’Orvietano, del Consorzio Tevere Nera, della Provincia di Terni, del Servizio idrico integrato, di Umbria 2 e delle Ferrovie per affrontare l’emergenza e monitorare la situazione.

Abbiamo lavorato senza sosta – rimarca il primo cittadino - per garantire la sicurezza e il ritorno alla normalità nel più breve tempo possibile. Molto c’è ancora da sistemare ma non avremmo potuto fare nulla senza l’aiuto dei soggetti sopra citati, cui vorrei aggiungere l’apporto della giunta comunale e di alcuni consiglieri, l'intervento dei mezzi del consorzio di bonifica, che sono ancora a lavoro nelle zone di campagna per ripristinare strade e scoli d'acqua”.   

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Muore la padrona e restano "orfani". Due gatti cercano famiglia a Terni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento