Cronaca

Todi, minorenne violentata in “una stanza della Caritas” e filmata: in due sotto processo

Uno è accusato di violenza sessuale, l'altro di possesso di materiale pedopornografico e di aver tentato di venderlo

Un uomo di 26 anni, originario del Gambia, è finito sotto processo con l’accusa di aver violentato una minorenne “all’interno della sua stanza nella Caritas di Todi”. Sotto processo per possesso di materiale pedopornografico, in cui è filmata la vittima della violenza, anche un romano di 47 anni.

Per la Procura di Perugia il primo avrebbe molestato sessualmente la minore saltandole addosso e facendola sdraiare “con forza sul letto costringendola a un rapporto sessuale” nell’ottobre del 2019.

Nel capo d’imputazione compare anche la posizione di un italiano che avrebbe avuto rapporti sessuali con la giovane e poi avrebbe prodotto “materiale pedopornografico”. Accusa che riguarda anche lo straniero, visto che per la procura “in maniera autonoma e in momenti diversi i due avevano rapporti sessuali completi” con la minore “che avevano filmato con i propri telefoni cellulari e che si erano successivamente scambiati attraverso Whatsapp”.

Il 47enne romano, inoltre, avrebbe “sfruttato o comunque favorito la prostituzione anche di minori trattando il prezzo delle loro prestazioni su Telegram e Snapchat”.

Il gambiano è difeso dall’avvocato Andrea Borghini del Foro di Firenze, il romano dall’avvocato Emma Contarini. L’udienza è stata rinviata al 26 gennaio del 2023 per discutere con il rito abbreviato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Todi, minorenne violentata in “una stanza della Caritas” e filmata: in due sotto processo
TerniToday è in caricamento