rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca

Addio a Guazzaroni, “si vede che lassù avevano bisogno di un prezzo grosso, di una punta di diamante”

Le parole del figlio Francesco dopo la morte del campione di karate. Il sindaco di Terni, Latini: “La città perde uno sportivo eccezionale, un uomo di grandi valori umani, un esempio per tanti giovani”

È forte lo sgomento in città per la scomparsa di Claudio Guazzaroni, campione di arti marziali e coach della nazionale italiana di karate, morto ieri a Terni all’età di 61 anni.

E sono tante le parole che in queste ore si rincorrono per testimoniare non solo l’affetto nei confronti di una delle figure più importanti del panorama sportivo nazionale – Guazzaroni come direttore tecnico ha portato Luigi Busà alla conquista del primo oro olimpico a Tokyo 2020 – ma di un uomo che viene definito “generoso” e dai “grandi valori umani”.

Toccanti le parole del figlio Francesco, che affida ai social un ricordo del padre:

“Questa volta il cielo ha scosso il mondo, in particolare il mio mondo. Ogni bambino si ispira sempre a un supereroe, con tuta o mantello che sia… Beh, io il mio l’ho conosciuto subito. Mi ha donato la vita, mi ha insegnato a camminare e a diventare un uomo. Tu per me eri l’uomo più forte del mondo papà. Ma questo non lo dico solo, io ma tutto il mondo. Per quello che hai rappresentato, per lo sport e per la persona che eri nella vita di tutti i giorni. Hai vinto tutto quello che c’era da vincere su questa terra e anche nell’Olimpo. Per me eri e sarai sempre invincibile papà.  Avrei solo voluto avere più tempo per condividere tutte quelle cose che avevamo rimandato da un pezzo. Ma si vede che lassù avevano bisogno di un pezzo grosso, una punta di diamante. Uno come te papà”.

Ma tante, come detto, le reazioni. Eccone una carrellata.

Fijlkam - Federazione italiana judo lotta karate arti marziali

“Il tuo sorriso è stato il nostro regalo più bello. Continueremo ad amarti incessantemente. La Fijlkam piange la scomparsa del grande karateka e coach Claudio Guazzaroni. Grazie Claudio”.

Leonardo Latini – sindaco di Terni

“Il mondo dello sport e la città di Terni piangono la scomparsa del maestro di karate Claudio Guazzaroni, nato a Orte, ma ternano di adozione. Icona mondiale delle arti marziali, negli anni ‘80 e ‘90 è stato uno dei campioni di kumite più importanti a livello nazionale e internazionale, prima di ricoprire la carica di capo allenatore della Nazionale italiana. Di recente, in qualità di commissario tecnico della nazionale azzurra Fijlkam di karate, aveva accompagnato Luigi Busà alle Olimpiadi di Tokyo, festeggiando insieme una spettacolare medaglia d’oro che abbiamo celebrato anche a Terni. La città perde uno sportivo eccezionale, un uomo di grandi valori umani, un esempio per tanti giovani che si avvicinano alla pratica delle arti marziali. Lo è stato anche per me che da giovane, per qualche anno, ho praticato il karate. Mi stringo intorno al dolore della famiglia e degli amici più cari. Addio maestro. Ci mancherai tanto”.

Laura Pernazza – presidente della Provincia di Terni e sindaco di Amelia

“Mi unisco al dolore dei famigliari e a quello di un'intera città e di tutta la provincia per la morte del maestro Claudio Guazzaroni. La notizia della sua scomparsa è stata per me, come per tutti, un colpo durissimo. Le sue grandi doti umane e sportive hanno permesso a tanti giovani di crescere nei valori dello sport. Quei valori che Guazzaroni aveva insegnato per tanti anni e che aveva portato anche recentemente a Tokyo dove, come commissario tecnico della nazionale azzurra Fijlkam di karate, aveva accompagnato Luigi Busà alla conquista dell'oro olimpico. Terni e tutta la provincia perdono un grande sportivo e un grande uomo”.

La nota di Palazzo Donini

La giunta regionale dell’Umbria si stringe attorno alla famiglia di Claudio Guazzaroni, karateka pluripremiato e commissario tecnico della nazionale italiana Fijlkam, scomparso ieri prematuramente. Ternano di adozione, aveva scelto l’Umbria per vivere e allenarsi. La sua vita sportiva è stata corredata da innumerevoli successi e le sue doti di atleta si sono sempre legate a quelle umane. Guazzaroni lascia un vuoto incolmabile per i suoi cari, per la comunità umbra e per l’intero mondo dello sport.

Stefano Lupi – presidente Confcommercio Terni

“Ciao Claudio. I campioni vivono nel ricordo delle loro imprese sportive. Buon viaggio Maestro. Lo sport ed il karate ti debbono molto. Onore a Claudio Guazzaroni”.

Valeria Alessandrini – senatrice Lega

“Ho appreso con grande tristezza della scomparsa di Claudio Guazzaroni, commissario tecnico della nazionale azzurra Fijlkam di karate. È stato uno dei più grandi interpreti delle arti marziali negli anni ‘80 e ‘90 e poi capo allenatore della nazionale italiana. Di recente aveva accompagnato Luigi Busà nella storica vittoria olimpica di Tokyo. La città di Terni perde non solo un grande sportivo, ma un punto di riferimento per giovani e meno giovani, un uomo di straordinaria umanità, esempio e colonna portante del karate a livello internazionale. Alla famiglia e agli amici più cari vanno le mie più sentite condoglianze”.

Confartigianato Terni

Confartigianato Imprese Terni si unisce al cordoglio di tutta la città per la prematura scomparsa di Claudio Guazzaroni che lascia un grande vuoto nel mondo del karate italiano e mondiale di cui era e sarà sempre un’icona, ma anche per la città di Terni al quale ha dato lustro nei suoi anni di attività. Aveva collaborato di recente con l’associazione per sensibilizzare l’autodifesa femminile, ci stringiamo al dolore della famiglia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Addio a Guazzaroni, “si vede che lassù avevano bisogno di un prezzo grosso, di una punta di diamante”

TerniToday è in caricamento