Neonato abbandonato, ecco lo scontrino che ha deciso il caso

Si tratta di una ricevuta della Primigi per un paio di scarpine da bambina: così gli investigatori sono risaliti alla madre del bimbo morto nel parcheggio dell’Eurospin

Fiori dove è stato abbandonato il bambino

Da piazzale Eroi dell’aria a via Gabelletta ci vogliono cinque minuti in macchina. Un tempo brevissimo per raccontare invece la storia impossibile di un abisso lungo una vita.

In via Gabelletta si trova il negozio della Primigi dove la madre accusata di avere abbandonato il figlio neonato nel parcheggio dell’Eurospin di Borgo Rivo, in piazzale Eroi dell’aria, ha comprato poco tempo fa un paio di scarpine da bimba. Erano per l’altra figlia della donna, di due anni. Ma nel destino – per chi ci crede – c’era già scritto che quell’acquisto non sarebbe stato come gli altri.

Perché nel tentativo di coprire il figlioletto appena nato, deposto nudo e avvolto da un lenzuolino bianco, la donna ha usato una busta della Primigi. E dentro quella busta gli investigatori hanno trovato uno scontrino. Che documentava dell’acquisto delle scarpine. E che ha permesso agli agenti della questura di risalire alla donna.

È così che si è chiuso il cerchio. E si è aperto il fronte delle indagini che adesso stanno cercando di ricomporre questo drammatico puzzle. La ragazza, ventisette anni e una condizione famigliare precaria – soprattutto dal punto di vista economico – ha raccontato agli inquirenti di avere fatto tutto da sola. Il parto nel bagno di casa, il viaggio verso il supermercato, l’abbandono della busta e poi la spesa. Salvo poi – sembra – rivedere in parte il suo racconto, dicendo che al supermercato ci sarebbe andata assieme al compagno, un operaio albanese, che però non si sarebbe accorto di nulla. Nemmeno dei nove mesi di gravidanza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I "BUCHI NERI" DELL'INDAGINE

“È ancora sotto shock – racconta l’avvocato Alessio Pressi, che la assiste – Anche io ho faticato nel tentativo di entrare in relazione con lei, di cercare di farmi raccontare quello che è successo per superare il suo silenzio”. La donna, che al momento non è sottoposta a nessuna misura cautelare ma deve restare a disposizione degli inquirenti, si trova probabilmente in una struttura protetta. In attesa di sviluppi investigativi che potrebbero – con il condizionale che è più di un obbligo – investire anche altre persone.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

  • Ospedale di Terni, ulteriore stretta sugli accessi: i provvedimenti attuati per limitare la diffusione del Coronavirus

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento