Sprezzante della legge, vìola per otto volte il divieto di ritorno: denunciata

Una ventenna rumena trovata nuovamente a Orvieto mentre si aggirava con fare sospetto tra le auto in sosta del parcheggio della stazione ferroviaria

La polizia di Orvieto

Incurante della legge e sprezzante delle istituzioni. Ha vìolato per ben otto volte soltanto nell'ultimo anno il divieto di ritorno a Orvieto la ventenne rumena pizzicata nuovamente dagli agenti della polizia di Orvieto nel fine settimana mentre si aggirava con fare sospetto tra le auto del parcheggio della stazione ferroviaria di piazza della Pace.

Gli agenti hanno immediatamente riconosciuto la giovane già allontanata da Orvieto poiché gravata da numerosissimi precedenti penali per reati contro il patrimonio, soprattutto per furto in abitazione e borseggio. Malgrado il provvedimento del questore di Terni, Antonino Messineo, emanato circa un anno fa la ragazza ha fatto ritorno sulla Rupe pur non avendo alcun motivo valido, motivo per il quale è stata denunciata nuovamente alla Procura della Repubblica di Terni.

Stessa contestazione anche per un clochard italiano senza fissa dimora fermato ieri dall’Ufficio controllo del territorio del commissariato. L’uomo, già noto alla polizia di Stato orvietana in quanto lo scorso maggio era stato denunciato per aver appiccato un incendio all’interno di una zona commerciale, e gravato da precedenti penali per reati contro la persona e l’ordine pubblico, è stato denunciato per non aver rispettato il provvedimento. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • Tragedia ad Arrone, muore una giovane mamma: “Siamo tutti sotto choc, increduli e scossi”

Torna su
TerniToday è in caricamento