Sabato, 23 Ottobre 2021
Cronaca

Travolta sull'A1, condizioni stabili per la ragazza orvietana ferita

La 37enne si trova in rianimazione e i medici non hanno ancora sciolto la prognosi. Dopo il dramma di Raffaella Ermini Orvieto ripiomba nell'incubo, le raccomandazioni della polstrada

Sono ancora serie ma stabili le condizioni della 37enne orvietana travolta da un mezzo pesante nel pomeriggio di ieri dopo essere scesa dalla sua auto lungo l'Autostrada del Sole.

La ragazza, molto conosciuta in città, si trova ricoverata in rianimazione all'ospedale di Terni per le ferite - in particolare un grave trauma cranico - riportate dopo essere stata scaraventata a terra. Gli agenti della polizia stradale di Orvieto che stanno ricostruendo la dinamica dell'accaduto non sono ancora in grado di accertare se la giovane sia stata urtata direttamente o se sia stato il forte spostamento d'aria a travolgerla.  In questo senso stanno raccogliendo le testimonianze di chi potrebbe aver visto qualcosa in attesa poi del risveglio della ragazza che, sedata, non ha potuto ovviamente parlare con i poliziotti. Di certo c'è che la sua macchina, una Renault Clio, si era fermata sulla corsia di emergenza, forse per un'avaria, nel tratto dell'A1 tra Orvieto e Attigliano, poco dopo dunque che la ragazza era in entrata in autostrada.

"Ho cercato di evitarla ma non ci sono riuscito", avrebbe detto il camionista agli agenti della polstrada. Da chiarire dunque se il mezzo viaggiasse a una velocità troppo sostenuta o se la 37enne sia stata imprudente nel scendere dal mezzo. Addosso non aveva il giubbetto catarifrangente che dovrebbe essere indossato in questi casi ma dalla prima ricostruzione non avrebbe nemmeno avuto il tempo di indossarlo visto che l'impatto si sarebbe consumato in un pochi secondi. 

Questo incidente riporta Orvieto indietro esattamente di un anno quando allora, l'11 novembre 2017, perse la vita in circostanze analoghe Raffaella Ermini, 29enne orvietana logopedista dell'Asl, travolta da un tir nel tratto poco distante tra Attigliano e Orte. Una morte che sconvolse un'intera comunità che ieri è ripiombata nell'incubo. "Purtroppo questi incidenti sono molto frequenti - spiega il comandante della sottosezione della polizia stradale di Orvieto, Stefano Spagnoli - e numerose le infrazioni che eleviamo nei confronti di chi occupa in maniera impropria la corsia di emergenza che dovrebbe essere utilizzata, e quindi lasciata libera, per consentire l'arrivo dei mezzi di soccorso in caso di necessità. La raccomandazione che dobbiamo fare - prosegue - è quella di utilizzare la corsia di emergenza solo nelle occasioni che sono tali. Anche in casi di problemi al mezzo o di malori dei passeggeri è sempre consigliabile cercare di raggiungere la prima area di servizio o di parcheggio disponibile per poter scendere in sicurezza". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Travolta sull'A1, condizioni stabili per la ragazza orvietana ferita

TerniToday è in caricamento