Ospedale di Terni: “Mancano personale e dispositivi di protezione. Il Covid ha scoperchiato la pentola”

La nota di Fp Cgil e Uil Fpl di Terni sull’emergenza sanitaria che si sta fronteggiando in tutta la penisola: “Il personale medico, infermieristico, tecnico e amministrativo sta compiendo un notevole sforzo”

ospedale di Terni

Emergenza sanitaria in tutta Italia a seguito della diffusione del Coronavirus. Le sigle sindacati Fp Cgil e Uil Fpl di Terni chiedono interventi immediati per l’ospedale di Terni e sanare le carenze in essere: “Più volte, in più occasioni, anche con la precedente giunta regionale, abbiamo evidenziato come la scarsità di personale dell’azienda ospedaliera di Terni rischiasse di paralizzarne l'operatività e l’efficienza. L’emergenza Covid - dichiarano Fp Cgil e Uil Fpl -  ha scoperchiato la pentola. Il personale medico, infermieristico, tecnico e amministrativo sta compiendo un notevole sforzo ed enormi sacrifici al fine di arginare l‘epidemia, è chiaro pero che tali sforzi se non supportati da risorse umane e strumentali adeguate rischiano di risultare vani. Non sono comprensibili le motivazioni per cui la Regione, nonostante i nostri continui solleciti, ritardi l‘applicazione della legge Madia, che permetterebbe in breve tempo di stabilizzare il personale sanitario e amministrativo dirigenziale.

Ad aggravare la situazione, poi, c'è la corretta attività delle Regioni limitrofe, che invece stanno in modo lungimirante utilizzando sia la stabilizzazione che lo scorrimento delle graduatorie per assumere personale a tempo indeterminato, personale che in buona parte lavora a tempo determinato presso le nostre due aziende, Usl e ospedale, e che ovviamente accetta di trasferirsi.

Ciò determina una ulteriore perdita di dotazioni organica e di professionalità che sono state costruite nel tempo nelle nostre aziende e che andranno a beneficio di altre.
Si potrebbe dire che “cambia l'orchestra ma non cambia la musica“: non si hanno notizie dei concorsi per il personale O.S.S., il concorso per infermieri assegna all’ospedale di Terni poche unità, assolutamente insufficienti, rimane ormai un mistero la mancanza di volontà di bandire concorsi per il personale amministrativo, ormai ridotto ai minimi termini.
Tutto ciò con l'aggravante che in questo momento non siamo in un regime ordinario, ma siamo chiamati ad affrontare una emergenza importante.

Mancano poi i presidi di protezione individuale per il personale - sottolineano - indispensabili per tutelare i nostri operatori.
Siamo consci che la situazione è complicata, ma non è comprensibile il motivo per cui le autorità regionali tardino ad utilizzare tutti gli strumenti legislativi a disposizione per aumentare le risorse umane; con le attuali normative si potrebbero stabilizzare, nel giro di due mesi, decine di operatori. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si poteva farlo già da gennaio 2020, si è perso troppo tempo prezioso”. I firmatari chiosano con un triplice appello: “Ai cittadini a cui si chiede di collaborare con il personale sanitario rispettando le norme varate dal Governo. Alle istituzioni regionali perché utilizzino subito le norme per la stabilizzazione per tutti i profili interessati nessuno escluso, e al sindaco di Terni affinché si adoperi a tutela dei cittadini”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma nella notte a Terni, commerciante trovato morto nel suo negozio

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Terni a luci rosse, “lucciole” e trans venduti come schiavi del sesso: ecco l’operazione Doña Claudia

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento