rotate-mobile
Domenica, 16 Giugno 2024
Cronaca Amelia

Da Roma a Narni per incassare il reddito di cittadinanza anche se non gli spetta: denunciati

Notati dai carabinieri di Amelia mentre entrano ed escono dall’ufficio postale, i controlli fanno emergere che non hanno titoli per accedere al sussidio: nei guai due uomini e due donne

Quel viavai dall’ufficio postale di Narni scalo aveva insospettito i carabinieri del nucleo radiomobile di Amelia. E i controlli hanno dato ragione ai militari dell’Arma.

La vicenda inizia lo scorso 31 gennaio quando una pattuglia nota quattro persone, due uomini e due donne, che entrano ed escono dalle Poste dello Scalo. I carabinieri si avvicinano e chiedono i documenti. I quattro, tutti cittadini dell’est Europa, riferiscono di arrivare da Roma e di essere in città per ritirare le loro carte per il reddito di cittadinanza.

La circostanza appare singolare, tanto che i militari decidono di approfondire e le verifiche come primo risultato fanno sospendere – da parte dell’Inps di Roma – le carte di reddito. Gli accertamenti proseguono con l’acquisizione da Istituto per la previdenza e Agenzia delle entrate di tutta la documentazione che dimostra che i quattro romeni “avevano falsamente dichiarato di essere residenti a Roma – spiega una nota dell’Arma - mentre nessuno di loro aveva mai avuto la residenza sul territorio nazionale italiano”.

Per questo sono stati denunciati con il contestuale blocco dell’erogazione del sussidio per 17.800 euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da Roma a Narni per incassare il reddito di cittadinanza anche se non gli spetta: denunciati

TerniToday è in caricamento