Irregolare sul territorio italiano, arrestato dalla polizia

Il Tribunale di Terni con rito per direttissima ha convalidato l’arresto e rinviato l’udienza al gennaio 2019

Lunedì scorso la polizia stradale di Terni ha arrestato un cittadino tunisino irregolare sul territorio italiano, che aveva fatto rientro nel territorio nazionale prima dei termini previsti e senza la speciale autorizzazione del ministro dell’Interno.

L’uomo era stato già controllato lo scorso luglio e denunciato dalla polizia stradale di Terni per resistenza a pubblico ufficiale in concorso, quando in compagnia di un altro cittadino tunisino non si era fermato all’alt fuggendo a bordo di una Audi nera. Circostanza che aveva portato all’arresto dell’uomo alla guida del mezzo.

L’arrestato, già noto alle forze di polizia, era stato denunciato più volte sotto diversi alias per reati contro il patrimonio, contro la persona e per spaccio di sostanze stupefacenti. Era anche stato raggiunto da un provvedimento cautelare emesso dal Tribunale di Velletri nell’ambito di un altro procedimento penale con obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

Dall’episodio di luglio sono iniziate le indagini che, con l’ausilio dell’ufficio immigrazione della questura di Terni, hanno portato alla ricostruzione delle vicende giuridiche del soggetto attraverso i numerosi alias forniti di volta in volta alle forze di polizia.

Analizzando la posizione del cittadino tunisino per ogni nominativo fornito, è risultato che era già stato allontanato dall’Italia nel 2016 con accompagnamento alla frontiera eseguito dall’ufficio immigrazione della questura di Caltanissetta, con il quale si evidenziava la particolare pericolosità del soggetto.

In questi casi, il rientro irregolare sul territorio nazionale dello straniero prevede l’arresto obbligatorio. Dopo vari appostamenti volti alla ricerca del soggetto, lo stesso è stato rintracciato nel centro cittadino e arrestato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Tribunale di Terni con rito per direttissima ha convalidato l’arresto e rinviato l’udienza al gennaio 2019 confermando, per lo straniero, l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria già adottato dal Tribunale di Velletri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

  • Ospedale di Terni, ulteriore stretta sugli accessi: i provvedimenti attuati per limitare la diffusione del Coronavirus

  • Raccordo Orte-Terni, si apre voragine sulla carreggiata: traffico in tilt ed intervento del personale Anas

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento