Popoli e religioni, il Film Festival sempre più vicino alle scuole e ai giovani. Tra gli ospiti previsti anche Massimo Cacciari

In città dal 10 al 18 novembre. Il vescovo Piemontese: “Tante difficoltà, abbiamo voluto rischiare anche quest'anno”

Due giovani, forse di etnie diverse, che parlano insieme. Un dialogo che porta al confronto e quindi alla comprensione reciproca. Sono in un momento particolare della propria vita, quella fase che porta i ragazzi verso il mondo degli adulti: è un'Età imperfetta, come il titolo della 14° edizione del Terni Film Festival Popoli e Religioni. Frase che si rifà anche al titolo del film di Ulisse Lendaro.

L'immagine descritta è di Vittorio Gabassi, artista ternano che ha messo a disposizione la sua arte per farne la locandina del festival. “Non tutti sanno che a Terni vengono fatte esperienze di alta qualità – commenta Stefania Parisi, direttrice dell'Istess – eppure ci sono e sono tanti i ternani che lavorano in questo senso. Noi ci impegniamo da molto per questo festival, che è cresciuto così tanto da diventare un progetto annuale”.

Anche il progetto ha un suo nome, Popoli e religioni: culture e arti a confronto 2018-2019: “È iniziato lo scorso 30 maggio e si concluderà il prossimo maggio – prosegue Parisi – prevede tre tappe principali con un unico filo conduttore, i giovani”.

La prima tappa è quella del festival cinematografico, dal 10 al 18 novembre al Cityplex Politeama, al santuario di San Francesco e alla Bct, con proiezioni di film e incontri ad ingresso gratuito. E con un'anteprima alla casa circondariale di Terni l'8 novembre.

“Anche quest'anno le difficoltà sono state tante e grandi - commenta Giuseppe Piemontese, vescovo della diocesi di Terni, Narni e Amelia – ma abbiamo voluto rischiare perché i temi che vengono affrontati in questo percorso sono molto attuali e di assoluta importanza. C'è bisogno di dialogo, riflessione, accoglienza: è un momento difficile”.

Il programma ufficiale, con tanto di ospiti e film, è in via di definizione: “Ci saranno belle sorprese – anticipa Michele Castellani, direttore organizzativo di del festival e direttore del Cityplex Politeama – stiamo attendendo le ultime conferme di attori italiani e non. È sempre di più un appuntamento internazionale”.

La seconda tappa del progetto è il seminario di filosofia “Generazioni”, che si svolgerà daò 2 aò 23 febbraio con lezioni accademiche e dal 1 al 15 marzo con laboratori di condivisione esistenziale di gruppo al Cenacolo san Marco. “L'ultima lezione – anticipano già gli organizzatori – sarà tenuta dal filosofo Massimo Cacciari”.

Quindi, la tappa finale: quella che vede coinvolte le scuole medie superiori sia per gli stagisti sia per gli studenti che hanno optato per l'alternanza scuola-lavoro, che inizierà nel mese di novembre con il festival per concludersi a maggio 2019 e al quale collabora gratuitamente anche la Caritas diocesana di Terni.

Le scuole che hanno aderito quest'anno sono i licei statali Angeloni e il liceo classico e artistico: “Sono molto contenta che quest'anno raddoppiamo l'esperienza e la riproponiamo ai nostri ragazzi, perché è un'esperienza molto valida”, spiega Michela Boccali, preside del liceo Angeloni. E aggiunge Maria Laura Morroni, del liceo artistico: “Non è importante solo per il lavoro ma per coinvolgere i ragazzi in temi così attuali. I nostri studenti hanno già lavorato per realizzare la sigla del festival e 4 clip sui temi che verranno affrontati”.

“L'anno scorso siamo riusciti a coinvolgere 4.800 studenti che sono venuti alle mattinate al cinema – prosegue Parisi – ci auguriamo di raggiungere i 5 mila studenti anche quest'anno e di riempire le 7 sale del cinema Politeama”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un progetto che è sostenuto dalla fondazione Carit con un contributo di 20 mila euro, dalla presidente della regione Umbria con 4 mila euro, dal laboratorio Idea e dall'associazione di volontariato San Martino per gli eventi rivolti agli immigrati giovani presenti sul territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma nella notte a Terni, commerciante trovato morto nel suo negozio

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Terni a luci rosse, “lucciole” e trans venduti come schiavi del sesso: ecco l’operazione Doña Claudia

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

  • "Sognava di diventare medico". Gli amici e le istituzioni ricordano Maria Chiara. Oggi l'autopsia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento