La fuga nel silenzio dei giovani “fantasmi”. Viaggio nell’abisso degli hikikomori

Maschi, under 30, isolati per mesi e anni dal mondo: se ne parla a Todi il 7 e 8 settembre al convegno nazionale “Educare per il domani” organizzato dall’associazione Articolo 26

Un confine immaginario che nasconde un abisso. È quello dentro al quale fuggono centinaia di migliaia di giovani italiani. Maschi, soprattutto, under 30, che hanno deciso di isolarsi dal mondo che li circonda perché, di quel mondo, non si sentono più parte.

È il fenomeno degli hikikomori, che in Giappone ha assunto dimensioni allarmanti con oltre un milione di casi accertati. Con numeri che stanno acquisendo contorni drammatici anche in molte altre nazioni economicamente sviluppate, come l’Italia dove – si stima – ci siano almeno centomila casi.

"Nonostante la sua diffusione, il fenomeno è tuttavia ancora poco conosciuto e coloro che ne soffrono si sentono spesso soli e incompresi nel proprio disagio", spiega Marco Crepaldi, presidente e fondatore dell’associazione nazionale Hikikomori Italia che dal 2017 ha come scopo quello di sensibilizzare sul tema dell’isolamento sociale volontario e supportare tutti coloro che ne soffrono, direttamente o indirettamente, come nel caso delle famiglie.

Del fenomeno hikikomori in Italia si parlerà i prossimi 7 e 8 settembre a Todi nell’ambito del convegno “Educare per il domani. Il punto su giovani, famiglia e scuola in Italia”, organizzato dall’associazione

Articolo 26 in collaborazione con il Comune di Todi con il patrocinio del Senato e della Camera dei Deputati e dell’Ufficio Scolastico per l’Umbria.

Un incontro nazionale di formazione rivolto a genitori, educatori e operatori della scuola, sulle più emergenti tematiche educative e sul ruolo formativo della famiglia e della scuola nella società.

Per due giorni specialisti, famiglie, rappresentanti delle Istituzioni ed esperti di politiche scolastiche da tutta Italia, si confronteranno sui temi della devianza e violenza giovanile, abuso di sostanze, pornografia e dipendenza da internet e altro ancora. Non solo per un’analisi a tutto tondo dei fenomeni e delle loro cause sociali e familiari, ma strumenti concreti a genitori ed insegnanti che devono aiutare adolescenti sempre più fragili, con un’alleanza tra scuola e famiglia. Protagonista sarà anche il grande cinema come strumento di prevenzione dalle dipendenze, con l’anteprima nazionale del film “Una canzone per mio padre” di Andrew e John Erwin https://www.unacanzonepermiopadre.it/

Un appuntamento sempre più affermato all’inizio dell’anno scolastico, anche per migliorare e rilanciare la scuola come motore di sviluppo umano e sociale. A confronto il sistema scolastico italiano a monopolio di Stato - ormai in crisi - con quei paesi nel mondo che, coniugando pluralismo, equità, ed efficienza, hanno prodotto qualità e innovazione, facendo decollare - dati alla mano - gli indici di successo formativo degli studenti e di sviluppo economico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Articolo 26 è un’associazione no-profit composta da genitori ed educatori che promuove la funzione formativa della famiglia e della scuola, sostiene i genitori e docenti nei loro compiti educativi, in funzione della continuità educativa scuola famiglia, operando nel rispetto dei valori della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo e del fanciullo e della Costituzione italiana. Svolge attività di formazione e informazione sul territorio nazionale, attraverso un numero crescente di sedi locali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Terni a luci rosse, “lucciole” e trans venduti come schiavi del sesso: ecco l’operazione Doña Claudia

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

  • "Sognava di diventare medico". Gli amici e le istituzioni ricordano Maria Chiara. Oggi l'autopsia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento