menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ragazza stuprata al Chico Mendes, l’aggressore non ha ancora un nome: si allargano le ricerche

Vent’anni, straniero e individuato grazie alla descrizione della vittima. Ma fino ad ora le ricerche non hanno prodotto risultati. Al setaccio anche Reatino e Viterbese

“È lui”. Sfogliando le decine di foto scattate durante la serata evento di sabato scorso, la ragazza che ha denunciato di essere stata stuprata nel parcheggio del Chico Mendes non ha avuto dubbi nell’identificare quello che lei indica come il suo aggressore. Tratti somatici e abbigliamento sono stati riconosciuti anche dalle amiche della ventenne. Il problema ora è dare un nome a quel volto.

Vent’anni – all’incirca – di origini straniere. Gli inquirenti – del caso si occupano i carabinieri di Terni coordinati dal sostituto procuratore Barbara Mazzullo – hanno pochi dubbi sul fatto che il ragazzo si trovi a Terni. “Ma non è escluso che magari possa avere preso un treno per allontanarsi”. Per questo le immagini e l’identikit del presunto aggressore sono state diffuse anche ai militari del Reatino e del Viterbese. Perché potrebbe anche darsi che il ragazzo arrivi da province confinanti. Anche se la convinzione più radicata è che si tratti di qualcuno del Ternano.    

Pochi dubbi su quanto invece sarebbe accaduto. Le avances, le chiacchiere e poi all’improvviso l’amico che diventa un mostro e che, al buio del parcheggio del “mare” di Terni e al riparo dallo sguardo delle telecamere di sicurezza, abusa della giovane fra le macchine ferme fuori dalla discoteca.

Non ci sono testimoni, ma questo sarà un passaggio con cui si faranno i conti una volta che questa storia arriverà nelle aule di tribunale. Al momento, gli sforzi investigativi sono concentrati su un unico obiettivo: dare un nome al ragazzo. Poi, le eventuali versioni sulla ricostruzione dei fatti saranno messe a confronto. Ma ora l’urgenza è un’altra.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento