Flavio e Gianluca, adesso la parola passa alla scienza: quattro ore di autopsia per spiegare la tragedia

I consulenti della procura della Repubblica di Terni e della difesa dello spacciatore finito in cella per la morte dei due ragazzi hanno effettuato i primi esami. Dai test tossicologici i dettagli definitivi

È durata quattro ore l’autopsia sui corpi di Flavio e Gianluca, i due ragazzi di Terni morti nella notte fra il 6 ed il 7 luglio per un mix di “sostanze droganti”. Un primo esame scientifico che – al momento – sembra confermare le prime ipotesi avanzate dalla procura della Repubblica di Terni e confermate nel dispositivo che tiene in carcere il ternano di 41 anni che ha confessato di avere ceduto ai due adolescenti mezzo flacone di metadone diluito con acqua al prezzo di 15 euro.

LEGGI | Le ultime ore di Flavio e Gianluca, la ricostruzione

L’autopsia è stata effettuata presso l’ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia dal dottor Massimo Lancia, medico legale incaricato dall’autorità giudiziaria, alla presenza della dottoressa Laura Paglicci Reattelli, consulente di parte incaricato dalla difesa del ternano in carcere, rappresentata dall’avvocato Massimo Carignani.  

Si tratta però soltanto di un primo passaggio che dovrà essere completato dall’analisi più importante, ossia quelle dei liquidi e degli organi che sono stati prelevati, che sarà effettuata presso il laboratorio di medicina legale di Perugia dall’altro consulente incaricato dalla procura ternana, la dottoressa Paola Melai.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LEGGI | Flavio e Gianluca, il racconto degli amici

Saranno infatti le analisi tossicologiche a chiarire quali sostanze i due ragazzi abbiano assunto, in quali quantità e quale – principalmente – abbia provocato il decesso. Un passaggio che sarà utile anche all’altro pezzo di indagine che stanno portando avanti i carabinieri di Terni, che hanno posto sotto sequestro computer e telefoni cellulari dei due giovani per provare a “tracciare” i movimenti delle ultime ore e capire se – come sembra – il mondo del web abbia avuto un peso in questa drammatica vicenda.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento