Pistole in faccia e minacce: “Adesso attenti a quello che fate”

Rapina in villa a Stroncone, momenti di terrore: in tre hanno fatto irruzione e bloccato padre, madre e figlio. Via con oro, pellicce e contanti: indagano i carabinieri

Prima il silenzio e poi, nel buio, il terrore. Notte da incubo per la famiglia di un agente di commercio a Colle di Stroncone: una banda di almeno tre persone ha fatto irruzione nella villa del professionista, immobilizzato l’uomo, la moglie e il figlio ventenne sotto la minaccia delle pistole e poi hanno svaligiato la casa, fuggendo con un bottino che sarebbe di diverse migliaia di euro.

I fatti – riportati questa mattina dall’edizione locale del Messaggero - si sono verificati nella notte tra giovedì e venerdì quando la gang sarebbe entrata in azione disattivando prima il sistema d’allarme della casa, per poi addormentare i cani da guardia e successivamente fare irruzione nella villa. Il proprietario e la sua famiglia sono stati colti di sorpresa, nel sonno. I rapinatori gli hanno spianato le pistole in faccia, bloccando così ogni tentativo di reazione. A questo punto, i malviventi hanno messo a soqquadro la casa e rubato tutto ciò che hanno trovato: gioielli, oggetti preziosi, denaro contante e diversi capi di abbigliamento – alcuni anche di valore – che l’agente aveva in casa.

Il blitz è durato soltanto qualche decina di minuti, attimi che però alla famiglia terrorizzata, sono sembrati eterni. “Adesso state attenti a quello che fate”, sono le ultime parole pronunciate dai malviventi, che sono così scomparsi nel buio della notte. Probabilmente, all’esterno c’era ad aspettarli un quarto uomo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Subito dopo l’allarme, sono scattate le indagini da parte dell’arma dei carabinieri. Gli elementi raccolti lasciano immaginare che il colpo sia stato studiato e preparato nel dettaglio, probabilmente dopo avere tenuto d’occhio per qualche tempo la famiglia e le sue abitudini. Sembra che i tre parlassero con un accento dell’est europeo, ma l’identikit dei responsabili non ha ancora contorni delineati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

  • Raccordo Orte-Terni, si apre voragine sulla carreggiata: traffico in tilt ed intervento del personale Anas

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento