Rapinata mentre torna a casa dal lavoro: bottino 10mila euro

Quattro malviventi hanno bloccato la sua auto tra Orte e Penna in Teverina. L’aggressione coi bastoni e poi la fuga col malloppo. Indagano i carabinieri

Quattro banditi, un’Audi nera. I colpi di bastone contro la propria vettura, la paura e poi la fuga dei malviventi col bottino. È successo tutto venerdì sera, intorno alle 23, in una manciata di secondi lungo la strada che da Orte conduce verso Penna in Teverina.

Vittima dell’aggressione è una donna ternana, proprietaria di una stazione di servizio nel comune viterbese. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, i banditi le hanno tagliato la strada, mettendosi di traverso con la loro Audi. Sono scesi e hanno cominciato a colpire la sua vettura con dei bastoni. La donna, terrorizzata, si sarebbe coperta gli occhi con le mani e dunque non saprebbe fornire elementi utili alle indagini. Fatto sta che i banditi sono riusciti ad impossessarsi dell’incasso e poi a fuggire col bottino. Che, ancora in corso di quantificazione, si aggirerebbe comunque intorno ai 10mila euro.

Rimasta da sola in mezzo alla strada buia, la donna ha chiamato i carabinieri di Orte. Arrivati sul posto, i militari non hanno potuto fare altro che raccogliere la sua testimonianza e annotare i pochi elementi disponibili. Forse, qualche indizio in più potrebbe arrivare dalle immagini riprese da qualcuna delle telecamere di videosorveglianza presenti nella zona, costellata di numerose ville.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • La profumeria ecobio e l’idea creativa di un’imprenditrice ternana: “Ispirata da una filosofia di vita”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

Torna su
TerniToday è in caricamento