Reddito di cittadinanza, ecco i controlli anti-furbetti: in campo il Comune di Terni, come funzionano le verifiche

Nella città dell’acciaio sono circa 2.400 le famiglie a cui viene riconosciuto il sussidio: scattano gli accertamenti su residenza e Isee, sotto la lente centinaia di assegni

Due mesi di controlli a caccia dei furbetti del reddito di cittadinanza. Nelle prossime settimane, gli accertamenti si concentreranno in modo particolare sulla residenza e sul reddito Isee dei titolari del sussidio: le verifiche saranno effettuate dagli uffici del Comune di Terni. Ecco cosa succederà.

A Terni i nuclei familiari a cui è stato assegnato il reddito di cittadinanza sono (al 17 luglio 2019) 2.415 per un totale di 5.386 persone coinvolte e un importo medio di 501,21 euro. La pensione di cittadinanza spetta invece a 429 nuclei familiari per un totale di 476 persone coinvolte con un importo medio mensile di 202,75 euro. In totale, rdc e pdc spettano a 2.844 nuclei familiari, ossia 5.862 persone, per un importo medio mensile di 457,49 euro.

I controlli delle amministrazioni locali si concentreranno sull’Isee dei nuclei beneficiari del reddito di cittadinanza. Nei prossimi due mesi il Comune di Terni – così come gli altri municipi d’Italia - deve eseguire verifiche su almeno il 5 per cento delle famiglie residenti che abbiano ricevuto il sussidio: si tratta di verificare i requisiti di almeno 120 famiglie.

Gli accertamenti sono previsti dall’accordo della conferenza Stato-Regioni. I comuni dovranno poi comunicare i risultati dei controlli ordinari (residenza e soggiorno) o straordinari (Isee) all’Inps attraverso una piattaforma informatica già esistente, di nome Gepi (Piattaforma per la gestione dei Patti per l’inclusione sociale).

I Comuni devono indicare in piattaforma tutti i tempi delle iscrizioni nei propri elenchi anagrafici e il Comune di provenienza dei nominativi su cui sono effettuati i controlli. A questo punto, le informazioni sono trasmesse dalla piattaforma digitale al precedente comune di provenienza, il quale, entro poche settimane, procede a inserire le stesse informazioni. E così via, a catena: l’operazione continua in presenza di altri comuni di provenienza fino ai due anni di residenza.

Insomma, dati che si incrociano e poi a partire da qui eventuali sanzioni: poi sarà come sempre l’Inps a indicare all’autorità giudiziaria i casi in cui sia necessario procedere.

Comuni a parte, i controlli sul reddito di cittadinanza sono portati avanti grazie a vari attori: l’Agenzia delle entrate, l’ispettorato nazionale del lavoro, la guardia di Finanza più altre autorità di controllo. Da qualche tempo 600mila nomi sono in mano alle Fiamme Gialle per esaminare i profili di rischio.

L’Inps invece si occupa delle verifiche preventive, in altre parole deve valutare se il nucleo familiare abbia i requisiti necessari per poter presentare domanda di accesso al Rdc. Ma c’è anche l’Ispettorato nazionale del lavoro a entrare in scena, per verificare che non ci sia svolgimento di prestazioni di lavoro “in nero” da parte dei soggetti appartenenti ad un nucleo familiare beneficiario del sussidio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • La storia | "I miei inquilini sono morosi da mesi. Sto pagando tutto io". Lo sfogo di una cittadina di Terni

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • Tragedia ad Arrone, muore una giovane mamma: “Siamo tutti sotto choc, increduli e scossi”

Torna su
TerniToday è in caricamento