Rogo Thyssen, carcere a metà per Espenhahn e Priegnitz. Le famiglie delle vittime: ci incateneremo a Roma

La procura tedesca ha autorizzato il regime di semilibertà per i due manager tedeschi ritenuti responsabili dell’incendio che causò la morte di sette operai a Torino. Entro un mese dovrebbe partire l’esecuzione della pena

Le vittime del rogo

SI chiama offener Vollzug lo strumento giuridico attraverso il quale Harald Espenhahn e Gerald Priegnitz potranno godere del regime di semilibertà. Questo significa che i due manager tedeschi condannati per il rogo che il 6 dicembre del 2007 costò la vita a sette operai negli stabilimenti di Torino della Thyssenkrupp saranno sì detenuti in un penitenziario tedesco, ma potranno lasciarlo durante il giorno per andare a lavorare e poi rientrare la sera.

Il via libera è arrivato nelle scorse ore da parte della procura di Essen: entro un mese verrà eseguita la pena per la quale Espenhahn e Priegnitz dovranno scontare cinque anni di cella per i fatti di Torino di 13 anni fa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A darne notizia è stata Radio Colonia, che cita la procuratrice Anette Milk. La novità ha immediatamente scatenato la reazione dei famigliari delle vittime dell’incendio. “Ci incateneremo a Roma. Andremo a Essen. Qualcosa faremo. Devono dirci come è possibile questa cosa, ha commentato Rosina Platì, mamma di una delle sette vittime.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lugnano, un'edicola acquistata da un mese già rischia di chiudere: "Mi avevano detto che era tutto a posto"

  • Ferite al volto e alla testa e una spalla fratturata: anziano aggredito in centro a Terni mentre va a votare

  • Rissa in pieno centro a Terni tra lo stupore dei passanti, giovane trasportato all’ospedale

  • Flavio e Gianluca, la “lezione” non è servita. E il metadone di Terni continua a fare “vittime”

  • Coraggio e senso di appartenenza, due giovani aprono una nuova attività. Primissima volta a Terni: “Grande orgoglio”

  • Sesso e droga con due minorenni. Nei guai un trentenne ternano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento