“Salve signora, vuole contribuire alla nostra associazione”, ecco la truffa dei falsi Pagliacci

Chiedono soldi in nome dei volontari, il presidente Rossi: non siamo noi, diffidate delle imitazioni. E scatta l’indagine dei carabinieri

I Pagliacci, quelli veri, non truffano. Gli altri, quelli che si spacciano per volontari dell’associazione, sì. O almeno, ci provano. Fino a quando qualcuno non si insospettisce e chiama i carabinieri.

Come è successo questa mattina, 8 agosto, a Montefranco. Diversi residenti della zona hanno infatti chiamato Alessandro Rossi, presidente dei Pagliacci, per sincerarsi che quella raccolta di fondi per i bimbi malati fosse realmente legata alla sua associazione.

“Volevano capire se i beneficiari fossimo noi – dice Rossi - anche se tutti sanno che non raccogliamo fondi fuori dai negozi, non andiamo in giro a chiedere offerte e non facciamo il porta a porta. Per l’ennesima volta mi ritrovo a dover contrastare chi ha giocato sull’equivoco usando il nome della mia associazione per raccogliere soldi per i bambini malati”.

I finti pagliacci hanno utilizzato book fotografici per promuovere le attività del sorriso nel reparto di pediatria dell’ospedale di Terni. Anche dal gruppo del Clown vip di Terni fanno sapere di non essere loro a chiedere soldi.

Sull’episodio, l’ennesimo di una lunga serie, sono in corso accertamenti dei carabinieri chiamati da chi si è insospettito per le modalità di una raccolta fondi che I Pagliacci non sono soliti utilizzare.

 “Invito i cittadini a fare attenzione a chi chiede soldi - dice Rossi.  Se non conoscete direttamente le persone non date nulla. Spesso chi avete davanti fa parte davvero di un’associazione poi però spetta sempre a voi se scegliere di fare una donazione all’associazione di volontariato i Pagliacci o a chi senza ritegno si spaccia da pagliaccio. Noi volontari del sorriso siamo a disposizione per qualsiasi chiarimento. I Pagliacci, quelli veri siamo noi. Non abbiamo mai fatto raccolta fondi porta a porta e invitiamo i cittadini a non cadere nell’equivoco. Diffidate dalle imitazioni”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento