menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto Giacomo Sirchia

foto Giacomo Sirchia

Allarme Covid a San Gemini: “Crescenti casi di positività, chiuse tutte le scuole”. L’ordinanza del sindaco

Sospese le lezioni in presenza per scuola dell’infanzia, elementari e medie. L’assessore Montagnoli: “Siamo fiduciosi che nel giro di dieci giorni la situazione possa migliorare”

È arrivata l’ordinanza del sindaco di San Gemini, Luciano Clementella, con la quale si dispone la chiusura delle scuole sul territorio comunale.

La decisione nasce “a seguito del riscontro di crescenti casi di positività soprattutto in ambito scolastico” in conseguenza dei quali “si è ritenuto opportuno sospendere l’attività didattica in presenza fino al completamento della verifica della diffusione dei contagi da parte dell’Usl Umbria2”.

“Con l’unità operativa igiene e sanità pubblica – spiega il sindaco Clementella - e con la dirigente scolastica è stato condiviso questo percorso per tutelare i nostri bambini e ragazzi, i loro insegnanti, gli operatori scolastici, le loro famiglie e la nostra comunità. Un augurio di pronta guarigione ai nostri concittadini contagiati. Vi esprimiamo la nostra vicinanza e stiamo lavorando tutti per il ritorno alla normalità”.

Nel dettaglio, l’ordinanza prevede la sospensione delle lezioni in presenza nei seguenti plessi scolastici: scuola secondaria di primo grado A. Volta, scuola primaria A. B. Sabin, scuola dell'infanzia G. Rodari dal giorno 13 ottobre e fino a completamento della verifica della diffusione dell'infezione tra gli alunni e gli operatori e fino a successiva comunicazione da parte del dipartimento di prevenzione.

Della situazione TerniToday ne aveva parlato con l’assessore alla scuola, Federica Montagnoli.

“Siamo in strettissimo contatto con la Asl. Stamattina abbiamo avuto un’ultima telefonata. Ci sono persone in attesa di tampone, chi ha fatto il test ne attende l’esito. Le classi in quarantena sono tre tra primaria e secondaria. Il sindaco – sottolinea l’assessore Montagnoli - valuta l’opportunità di chiudere le scuole, una volta ricevuti gli ultimi aggiornamenti ufficiali”.

L’assessore Montagnoli aggiunge: “Sia il comune che l'Istituto Comprensivo di Acquasparta hanno ottemperato ai protocolli in vigore. Stabilire come sia avvenuto il contagio è difficile. Ci sentiamo di rassicurare i cittadini in quanto sono state intrapresi tutti i provvedimenti, tesi a circoscrivere la situazione. Stiamo seguendo la vicenda, tracciando i contatti in modo tale da circoscriverla. Sono vicina ai bambini, alle loro famiglie ed ai docenti coinvolti da questa vicenda. C’è un’ottima sinergia con gli operatori sanitari, le forze dell’ordine e la dirigente scolastica”.

Sabato 10 ottobre: “C’è stata un’ordinanza del sindaco restrittiva per evitare gli assembramenti. Siamo fiduciosi che nel giro di dieci giorni la situazione possa migliorare. Abbiamo avuto contatti con i rappresentanti dei genitori, c’è una continua informazione. Loro erano molto preoccupati, aggiungo giustamente. In serata, a tal proposito, il primo cittadino diramerà un comunicato. C’è un clima di grande collaborazione e cordialità. Personalmente – conclude Federica Montagnoli - tendo ad informare sempre i genitori rappresentanti, capisco la preoccupazione da mamma ed è mia premura occuparmene”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento