‘Ndrangheta, il boss dal carcere di Terni minaccia il giudice: è un morto che cammina

Show di Francesco Amato, detenuto a Sabbione dopo la sentenza Aemilia, durante il processo per il sequestro di cinque dipendenti in un ufficio postale di Reggio Emilia: anche Salvini è un traditore

Francesco Amato, 56enne di Rosarno (in Calabria) che sta scontando una condanna a 19 anni di carcere per associazione mafiosa dopo la sentenza Aemilia per la presenza della ‘Ndrangheta nel nord Italia, ha partecipato oggi in collegamento dal carcere di Terni al processo a suo carico per il sequestro di cinque dipendenti di un ufficio postale alla periferia di Reggio Emilia avvenuto lo scorso 5 novembre.

Quello del calabrese è stato un vero e proprio show, tanto che il giudice Silvia Guareschi è stata costretta a spegnergli il microfono. Lui però ha rubato quello di un tecnico e ha continuato, revocando in diretta il mandato all'avvocato difensore reggiano Franco Beretti, nominando poi Marilena Facente.

A convincermi a liberare gli ostaggi – riporta l’agenzia Ansa - è stata il giudice Cristina Beretti (presidente del tribunale di Reggio Emilia) ma poi non ha voluto mantenere la promessa. Volevo farle sapere - ha ricordato Amato - che era a rischio, che è un morto che cammina”.

Il sequestro – ha aggiunto ancora – l’ho fatto per il terrorismo che c’è a Reggio, non per difendere me stesso. Non volevo fare male a qualcuno. Volevo parlare con Matteo Salvini, ma anche lui si è rivelato un traditore”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il pubblico ministero Iacopo Berardi aveva chiesto dieci anni per i reati di sequestro di persona aggravato e porto d’arma abusivo (il coltello utilizzato per minacciare i dipendenti). Il giudice gli ha riconosciuto le attenuanti generiche, stabilendo infine la condanna a 6 anni e 4 mesi di cella.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripartenza a Terni, l’idea originale di un’attività commerciale a tutela dei clienti: “Facile e funzionale”

  • Test a tappeto anti Covid19, tutti i comuni del Ternano coinvolti: luoghi, date e persone interessate

  • Comune di Terni, la proposta: “Rendere obbligatorio l’utilizzo delle mascherine durante gli spostamenti in luoghi frequentati”

  • Sciame di piccole scosse di terremoto nel territorio ternano: sale la preoccupazione

  • Momenti di tensione in piazza della Repubblica a Terni, interviene il servizio interforze

  • Crodino, patatine e coca: la questura chiude un bar di Terni

Torna su
TerniToday è in caricamento