Serra di marija scoperta in provincia di Terni, arrestato un giovane

Operazione congiunta dei militari di Narni e Calvi dell'Umbria ha portato all’arresto in flagranza per produzione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti di un 33enne kossovaro pregiudicato.

carabinieri

L’azione combinata dei militari delle stazioni di Narni e Calvi dell’Umbria ha portato all’arresto, in flagranza per produzione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti di un 33enne kossovaro pregiudicato.

L’uomo veniva infatti intercettato dai militari della città della Rocca Albornoziana nel corso di un posto di controllo eseguito sulla Flaminia Vecchia. Il ritrovamento sulla sua persona di una dose di hashish ed il suo atteggiamento evasivo e particolarmente nervoso induceva i Carabinieri di Narni ad estendere la perquisizione alla sua abitazione di Calvi dell’Umbria che eseguivano con l’ausilio dei colleghi dell’arma locale. Il rinvenimento, in una delle stanze del suo appartamento, di due serre artigianali ma ben strutturate con all’interno dodici piante di marijuana, tutte in piena infiorescenza, nonché di tutto il “corredo” di lampade e concimi utilizzati per la coltivazione “indoor”, di due bilancini di precisione e dell’immancabile materiale utilizzato per il confezionamento e la suddivisione delle dosi, oltre ad ulteriori 35 grammi di hashish, portava all’arresto dello straniero. Nei confronti del 33enne il G.I.P. del tribunale di Terni, che poco fa ne convalidava l’arresto nel corso dell’udienza per rito direttissimo, disponeva l’obbligo di dimora nel comune di residenza e gli obblighi notturni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le piante sequestrate, che insieme arrivavano ad un peso totale di più di due chilogrammi, una volte essiccate, avrebbero permesso al pusher produttore in proprio di ricavare centinaia di dosi che, poi vendute al dettaglio, gli avrebbero fruttato un notevole guadagno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Terni a luci rosse, “lucciole” e trans venduti come schiavi del sesso: ecco l’operazione Doña Claudia

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

  • "Sognava di diventare medico". Gli amici e le istituzioni ricordano Maria Chiara. Oggi l'autopsia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento