Coronavirus, il gesto del sindaco di San Venanzo: “Resterò in isolamento domiciliare volontario”

Il primo cittadino Marsilio Marinelli: “Mio figlio a contatto con un soggetto positivo. Aspetterò l’esito del tampone”

foto di repertorio

Lo ha annunciato ai propri concittadini con un post su facebook. Il primo cittadino di San Venanzo Marsilio Marinelli ha deciso di mettersi in isolamento volontario domiciliare. La motivazione è la seguente: “Comunico che, dovendo mio figlio, essere sottoposto a tampone, avendo avuto contatto con positivo, in assoluta trasparenza e per precauzione necessaria resterò in isolamento volontario domiciliare fino all'esito del tampone, conseguentemente non potrò assicurare la mia presenza nei prossimi giorni presso il Comune di San Venanzo. Ovviamente l'attività amministrativa continuerà nella maniera consueta e potrò essere raggiunto telefonicamente al mio domicilio per ogni possibile evenienza.” Un gesto sicuramente di responsabilità per dare il buon esempio in questa fase piuttosto delicata. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • La profumeria ecobio e l’idea creativa di un’imprenditrice ternana: “Ispirata da una filosofia di vita”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • Non paga la dose di cocaina al pusher ed è costretto a cedergli i suoi valori personali. La polizia intrappola un 25enne di Orvieto

Torna su
TerniToday è in caricamento