rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Cronaca

Pendolari dello spaccio, presi con quasi quattro chili di marijuana. Un pusher aveva anche il Covid

Operazione dei carabinieri: pedinato da Narni a Roma dove fa salire i “compari” e carica un borsone con la droga. Il blitz ad uno svincolo del raccordo Terni-Orte: tre in manette

Lo hanno seguito anche grazie a una staffetta di auto “civetta”. Da Narni a Roma e ritorno, fino a quando non è scattato il blitz: tre arresti e quasi quattro chili di droga sequestrati dai carabinieri della sezione operativa di Terni.

L’operazione è cominciata attorno alle 21 del 25 febbraio. I militari erano già sulle tracce del presunto spacciatore, un 22enne di origini albanesi, residente a Narni. Lo hanno notato uscire di casa, salire a bordo della propria auto e poi imboccare il raccordo Terni-Orte in direzione sud. E poi ancora fino al casello e lungo l’A1 fino a quando la Fiat Bravo del giovane non è uscita a Fiano Romano, in direzione della Capitale.

Le auto in borghese hanno continuato a tenerlo d’occhio. Nei pressi della stazione ferroviaria di Roma Tiburtina, sotto una pioggia battente, l’auto si ferma nel parcheggio dei pullman e viene avvicinata da altre due. Che verranno poi identificate in due albanesi di 28 e 34 anni. I due salgono in auto, hanno con loro un borsone.

Il pedinamento prosegue in direzione opposta: casello di Roma, Autosole, svincolo per Orte e poi il Rato. La Bravo rossa mette la freccia a Capitone ma ad aspettarla allo svincolo c’è una pattuglia dell’Arma. Si alza la paletta, scatta lo stop e i controlli. L’equipaggio è nervoso, il borsone sta adagiato sul sedile posteriore. I militari lo prendono, lo aprono. Dentro ci sono 7 involucri contenenti una sostanza grigio-verde. Le analisi diranno che si tratta di marijuana per 3,7 chili.

La perquisizione prosegue a casa del 22enne dove vengono trovati altri 18 grammi di cocaina divisi in 27 involucri. L’esito è quasi scontato: arresti domiciliari per tutti e tre. Ma il giorno dopo, quando tornano, i carabinieri in casa non trovano nessuno. I tre sono evasi. Tra l’altro, uno di loro – sempre il più giovane – era pure risultato al Covid e quindi sarebbe dovuto stare in isolamento.

Si apre la caccia e il terzetto viene rintracciato in un altro appartamento di Narni. Per tutti – assistiti dall’avvocato Giorgia Ricci del Foro di Perugia - si aprono le porte del carcere di vocabolo Sabbione.

“Si tratta di personaggi inseriti in un più ampio circuito di spaccio di stupefacenti - scrive il pm Marco Stramaglia nella richiesta di convalida della custodia cautelare - che può vantare contatti anche in città e regioni differenti. Inoltre, il comportamento successivo ai fatti e cioè l'evasione dagli arresti e la fuga, denotano una concreta ed attuale propensione a delinquere tipica di soggetti inseriti in contesti criminosi di più ampia dimensione. Circostanza che rende assai probabile - se non certa - la reiterazione di analoghi comportamenti delittuosi nel prossimo futuro, nonostante la loro giovane età”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pendolari dello spaccio, presi con quasi quattro chili di marijuana. Un pusher aveva anche il Covid

TerniToday è in caricamento