Quella maledetta mancata coincidenza, così è morto Sergio Secci

Trentotto anni fa la strage alla stazione di Bologna dove perse la vita il giovane ternano assieme ad altre 84 persone

I primi soccorsi alla stazione di Bologna

Sergio sarebbe dovuto scendere a Bologna e poi riprendere subito un treno, alle 8.18 di quel sabato 2 agosto del 1980, per andare a Bolzano. Ma il treno su cui viaggiava fece ritardo: perse la coincidenza e fu costretto ad aspettarne un altro. Che sarebbe dovuto partire alle 10.50. Venticinque minuti prima esplose un inferno di fuoco, macerie e polvere.

Trentotto anni fa la strategia delle bombe viveva uno dei momenti più drammatici ed oscuri con la strage alla stazione di Bologna: 85 morti, oltre 200 feriti e una scia di misteri e depistaggi che avvolgono gli esecutori materiali. Per quei fatti, in due diversi momenti, sono stati condannati Valerio Fioravanti, Francesca Mambro e Luigi Ciavardini, tutti appartenenti alla galassia del terrorismo di estrema destra.

secci-2Tra le vittime, anche il giovane ternano Sergio Secci che quel giorno, proveniente da Forte dei Marmi, sarebbe dovuto transitare per Bologna in treno e poi proseguire verso Bolzano, dove aveva appuntamento con gli esponenti di un gruppo teatrale di Treviglio, il Teatro di ventura. Il ritardo lo costrinse a fermarsi più del dovuto e ad aspettare una coincidenza diversa, in partenza alle 10.50 dal binario ovest dello scalo bolognese. Quello doveva essere il suo ultimo impegno prima delle vacanze, che avrebbe trascorso in Calabria, in campeggio assieme agli amici.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il lampo di fuoco della bomba lo travolse, senza però ucciderlo subito. Gravemente ferito, venne trasportato all’ospedale Maggiore di Bologna. Qui, per ricostruire la sua identità, i medici gli mostrarono dei foglietti con scritte delle lettere. Le facevano scorrere e quando arrivava quella giusta, Sergio faceva un cenno con il capo. Risalirono così al suo nome e al suo indirizzo. Pur in condizioni disperate, Sergio riuscì anche a chiedere che venisse avvisato il pare, Torquato, ma non la madre, Lidia, perché malata. Morirà dopo cinque giorni di agonia. Aveva 24 anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Terni a luci rosse, “lucciole” e trans venduti come schiavi del sesso: ecco l’operazione Doña Claudia

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

  • "Sognava di diventare medico". Gli amici e le istituzioni ricordano Maria Chiara. Oggi l'autopsia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento