Ternana-Catania, manette per un tifoso siciliano

Il giovane è stato filmato dalle telecamere di un autogrill mentre sottaeva dei generi alimentari, poi si è anche scagliato contro un addetto ed è scappato. La Digos di Terni lo ha identificato e arrestato

Un tifoso catanese di 27 anni è stato tratto in arresto dalla polizia di Stato per il reato di  rapina e lesioni commessi nella mattinata di domenica 6 ottobre, presso l’area di servizio “Campagnia Est” della A3 Salerno/Reggio Calabria.

Il tifoso, che viaggiava insieme ad un altro centinaio di supporter etnei a bordo di pullman diretti allo stadio Liberati, durante la sosta nel punto di ristoro, aveva sottratto alcuni generi alimentari occultandoli addosso. Fermato all’uscita dal responsabile dell’area di servizio che si era accorto del fatto, il tifoso gli si è scagliato contro colpendolo con una testata e scappando via.

La sequenza del fatto è stata ripresa dalla telecamere interne che sono state immediatamente acquisite dalla Digos di Terni – diretta dal V.Q.A. dr. Marco COLURCI - che ha provveduto ad identificare l’uomo, giunto a Terni insieme agli altri tifosi catanesi per assistere all’incontro di calcio.

Sulla base del materiale video e in stretta sinergia con le Digos di Catania e Salerno, l’autore del fatto, con diversi precedenti, è stato identificato e tratto in arresto dalla Digos di quel capoluogo una volta rientrato a Catania, in base alla normativa contro la violenza negli stadi che consente l’arresto in flagranza anche in differita di 48 ore dall’evento.

L’uomo dovrà rispondere di rapina e lesioni aggravate. Nei suoi confronti sarà applicata anche la misura del DASPO dal questore di Catania.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale, schianto con la moto: muore il maestro Francesco Falcioni

  • Le Iene arrivano in un’azienda ternana, ecco cosa è successo

  • Incidente stradale, uomo estratto dalle lamiere dopo impatto a tre

  • Incidente stradale, uomo estratto dalle lamiere: è in gravi condizioni

  • Alcantara, sessanta dipendenti a rischio mancata riconferma: “Seriamente preoccupati”

  • Intossicati dai funghi velenosi, muore dopo una settimana di agonia

Torna su
TerniToday è in caricamento