rotate-mobile
Cronaca

Terni, costringeva una donna a prostituirsi minacciandola di uccidere il figlio, arrestato 36enne

L’uomo è stato rintracciato in Romania. Verrà estradato in Italia e dovrà scontare una pena di sei anni di reclusione per sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione e lesioni personali aggravate

Aveva fatto perdere le sue tracce da circa un anno il trentaseienne romeno ricercato per sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione e lesioni personali aggravate, reati commessi a Terni nel 2014.

L’uomo costringeva una connazionale a prostituirsi con continue minacce e percosse, obbligandola, con calci e pugni, a consegnargli l’intero ricavato del meretricio (circa trecento euro a sera) e minacciandola che le avrebbe ucciso il figlio undicenne, investendolo con la macchina o con un colpo di pistola, se non si fosse prostituita per lui.

Il rintraccio dello straniero è stato possibile grazie ad una complessa attività investigativa avviata dalla Procura Generale di Perugia, in particolare dall’ufficio SDI, costituito da un appartenente al Corpo di Polizia Penitenziaria, che riusciva ad individuare la moglie e la figlia in territorio romeno, persone con le quali il ricercato si presumeva tenesse ancora rapporti. Le preziose informazioni, fornite dalla Procura Generale all’Interpol, hanno consentito ai collaterali organismi esteri, di arrestare il 10 agosto u.s. nella città di Suceava (Romania) il latitante, che ora dovrà scontare una pena di sei anni di reclusione.

Attualmente il soggetto è in attesa di estradizione verso l’Italia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terni, costringeva una donna a prostituirsi minacciandola di uccidere il figlio, arrestato 36enne

TerniToday è in caricamento