Allarme furti, la trappola funziona: beccati due “topi” d’appartamento

Sorpresi dai carabinieri in via Campomicciolo, avevano l’automobile piena di arnesi da scasso e con la targa falsificata per sfuggire ai sistemi di videosorveglianza

L’automobile piena di arnesi “generalmente utilizzati per scassinare porte, finestre e serrature” e con la targa falsificata per sfuggire ai controlli con i sistemi di videosorveglianza.

Elementi che hanno confermato i sospetti dei carabinieri che, nel corso di una serie di controlli contro l’emergenza furti, hanno fatto scattare la trappola e beccato due “topi” d’appartamento. Protagonisti del blitz i militari di Papigno che, durante un servizio di perlustrazione in via Campomicciolo – ultimamente finita nel mirino dei ladri – hanno notato un’auto sospetta aggirarsi per la via.

Dal controllo in banca dati è emerso che, sia il guidatore che il passeggero, avevano precedenti specifici per reati contro il patrimonio. Nell’auto, i carabinieri hanno poi trovato numerosi arnesi da scasso, utilizzati di solito per forzare porte, finestre e serrature. A questo punto è scattata la denuncia per tutti e due: entrambi di origini napoletane, uno è residente a Terni mentre l’altro nell’hinterland napoletano. Per quest’ultimo è stato proposto il foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno a Terni.
Successive verifiche hanno permesso di scoprire che la targa dell’automobile era stata falsificata, probabilmente per sfuggire alle videocamere di sorveglianza e poter agire indisturbati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I militari della Stazione di Terni, invece, hanno ritrovato 27 bottiglie di alcolici sull’autovettura di due cittadini georgiani che non ne giustificavano la provenienza. Gli accertamenti hanno permesso di appurare che, presso un supermercato della città, era stato registrato un furto corrispondente. La visione delle immagini di videosorveglianza ha confermato che erano proprio i due georgiani fermati dai militari dell’arma gli autori del colpo messo a segno in mattinata con la rimozione dei dispositivi di antitaccheggio. Sono stati denunciati a piede libero per furto aggravato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La protesta a Terni contro le restrizioni del Dpcm. Il corteo da piazza Tacito a Palazzo Spada: "Libertà"

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Incidente su via Battisti. Un motociclista falciato e portato con urgenza al pronto soccorso

  • Coronavirus, nuovo balzo dei ricoverati e cinque decessi. A Terni cresce di cento unità il numero di Covid+

  • Coronavirus, ordinanza restrittiva di ‘Halloween’: spostamenti solo motivati da autodichiarazione. Chiudono le scuole

  • “Angeli” in corsia nell’ospedale di Terni, la lettera: “Grazie per l’assistenza e la disponibilità verso nostra madre”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento