Preso il pusher con l’agendina: appuntati nomi dei clienti e soldi incassati

Blitz dei carabinieri in via Garofoli, sotto la lente degli investigatori tutti i nomi degli acquirenti. Scoperto anche un metodo ingegnoso per nascondere la droga

Il “ragioniere” dello spaccio annotava minuziosamente nomi dei clienti, cifre incassate, quantità di droga venduta. Un’agendina che gli investigatori ritengono “molto interessante” e che ora sarà oggetto di approfondimenti per ricostruire giro d’affari e rete di spaccio.

Il “libro mastro” è stato sequestrato ad un giovane spacciatore - albanese, classe 1996 – pizzicato dai carabinieri di Terni, coordinati dal capitano Alessio Perlorca, che dopo alcune segnalazioni avevano avviato una attività di monitoraggio del pusher. Lo hanno osservato per alcune ore nella centralissima via Garofoli e lo hanno bloccato mentre stava risalendo in macchina. Dalle perquisizioni sono spuntati 18 grammi di cocaina, alcuni dei quali nascosti in una scatola di gomme da masticare. I militari hanno sequestrato anche 2.730 euro, ritenuti probabile provento dell’attività di spaccio. Tutti elementi che hanno spinto i carabinieri ad arrestare il giovane.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

droga carabinieri terni cocaina (2)-2Nel corso di un’altra operazione, i carabinieri di Terni sono intervenuti all’interno di un’altra abitazione della prima periferia ternana, sottoponendo a controllo un operaio, classe ’75, e trovando 15 dosi di cocaina dal peso complessivo di 16 grammi, contenute in bustine termosaldate. “La particolarità, questa volta – spiegano gli investigatori - è riferita all’ingegno messo in atto dallo spacciatore che, convinto di non essere mai scoperto, è arrivato a nascondere la sostanza in una lattina di birra abilmente modificata, con all’interno un contenitore in vetro, riposta proprio nel frigorifero”. Un trucco che però non lo ha salvato dalla denuncia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Terni a luci rosse, “lucciole” e trans venduti come schiavi del sesso: ecco l’operazione Doña Claudia

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

  • "Sognava di diventare medico". Gli amici e le istituzioni ricordano Maria Chiara. Oggi l'autopsia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento