Cronaca

Cene “fuorilegge” al ristorante cinese, scattano multe e sospensione della licenza

Controlli anti Covid a Terni, nei guai anche sei ragazzi sorpresi per le vie della città senza mascherina e oltre il coprifuoco: il bilancio del fine settimana

In totale, sono state identificate 141 persone e fermate 20 autovetture; 10 gli esercizi pubblici controllati; le sanzioni anti-Covid elevate sono state 16.

Sono stati tre giorni di intensi controlli a Terni, da parte delle forze dell’ordine, che hanno visto impiegate pattuglie di polizia di Stato, carabinieri, guardia di finanza e polizia locale nell’ambito dei servizi disposti dal questore Bruno Failla sulla base delle indicazioni del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, presieduto dal prefetto di Terni, Emilio Dario Sensi.

Venerdì sera, dopo le 22, la squadra volante ha controllato cinque ragazzi stranieri in largo Ottaviani, alcuni dei quali già noti agli uffici della questura. Uno di loro, un egiziano di 21 anni, era stato già espulso a marzo dall’Italia, ma non aveva ottemperato all’ordine del questore per cui, oltre alla sanzione per aver violato il coprifuoco, è stato anche denunciato.

In zona Cardeto, gli agenti hanno sorpreso numerosi clienti uscire da un ristorante cinese, ben oltre l’orario di inizio del coprifuoco. Per il titolare del ristorante è scattata la sanzione.

Sabato sera, la guardia di finanza e la divisione amministrativa della questura sono intervenute in un altro ristorante cinese, stavolta in zona Borgo Rivo. All’interno hanno trovato numerosi clienti, intenti a consumare la cena. Oltre alla sanzione, al titolare è stata anche notificata la misura della sospensione della licenza per 5 giorni.

Ancora sabato, sei giovani sono stati sanzionati per il mancato uso della mascherina, che non portavano neanche con loro, e per la violazione del coprifuoco.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cene “fuorilegge” al ristorante cinese, scattano multe e sospensione della licenza

TerniToday è in caricamento