Droga, alcol, azzardo e fumo: mille “schiavi”, sempre più ragazzini finiscono nell’incubo dipendenze

L’esordio tra 14 e 15 anni grazie alla “notevole disponibilità di sostanze nel territorio” e alle nuove droghe che circolano con il web: i dati del Serd della Usl Umbria 2. Cuccuini: la priorità è intervenire precocemente

I dati servono a chiarire la diffusione del problema. Nel 2019, il servizio dipendenze (SerD) di Terni ha registrato un aumento significativo del numero di utenti: in totale 1.058, con 777 persone seguite per dipendenza da sostanze illegali, 173 per dipendenza da alcool, 59 per dipendenza da gioco d’azzardo e 49 per dipendenza da tabacco confermando un aumento della diffusione della dipendenza sia da sostanze illegali che legali con un maggiore diffusione tra i minori (esordio tra i 14 - 15 anni).

RESPONSABILE SERD TERNI MARCO CUCCUINI-2Ma dietro i numeri, i dettagli del fenomeno sono ancora più rilevanti. “Nell’ultimo anno - spiega il responsabile del SerD di Terni, il dottor Marco Cuccuini - sono aumentati i minori con problemi di disagio e abuso di sostanze mentre negli anni precedenti la tendenza era l’aumento dell’età media negli utenti. Ciò dimostra una notevole diffusione delle sostanze nel territorio e una maggiore capacità del Servizio ad accogliere tale tipologia di utenza anche con lo specifico progetto ‘Giovani 2.0’ e programmi di prevenzione nelle scuole”.

Dagli anni Novanta l’utenza al SerD di Terni è raddoppiata e per rispondere ai vecchi e ai nuovi bisogni dell’utenza il servizio della Usl Umbria 2 ha rimodulato le prestazioni offerte alla popolazione, privilegiando un approccio misto, con équipe multidisciplinari composte da medici, infermieri, psicologi e assistenti sociali finalizzato alla flessibilità d’intervento e alla strutturazione del processo di cura e trattamento individualizzato per poter sostenere e sviluppare le potenzialità dell’utente nel percorso di cura e di trattamento e nel pieno rispetto della privacy e dell’anonimato.

Mille “schiavi” e tra questi una quota sempre crescente di ragazzini in soccorso dei quali c’è lo staff del SerD: quattro medici, otto psicologi, sei infermieri, due assistenti sociali, cinque operatori sociali e un amministrativo, una rinnovata sede in viale Donato Bramante con ambulatori e sale per gruppi, un centro semi-residenziale e un’équipe che opera presso la casa circondariale di vocabolo Sabbione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La modalità di intervento multidisciplinare, la complessità delle persone con problemi di dipendenza e l’ampio target della popolazione coinvolta impongono ad operatori e professionisti che a diverso titolo operano quotidianamente nella struttura un costante confronto, aggiornamento, formazione e flessibilità nel rispondere in modo efficace e efficiente alle problematiche degli utenti – prosegue Cuccuini. Soggetti che necessitano di accoglienza, di ascolto e di un sostegno e orientamento finalizzato a riappropriarsi di una propria autonomia. Tutto ciò è possibile attraverso un programma terapeutico con diversi livelli di obiettivi per ogni singola persona, definiti in base alla sua fase di cambiamento. La priorità è di intervenire precocemente affinché non vi sia un ulteriore aggravamento dello stato fisico, psichico e sociale”.   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento