Senza lavoro e senza soldi per l’emergenza Coronavirus, gara di solidarietà per Paola

Anche il Comune di Terni si muove per cercare di sostenere la commerciante che non può accedere ai fondi Inps e ai buoni spesa. “Non me la sento di accettare aiuti economici, volevo solo far conoscere la mia storia”

L’imprenditrice, le associazioni, il partito. E poi anche il Comune di Terni. Si è scatenata una vera e propria gara di solidarietà per aiutare Paola (nome di fantasia, ndr) la commerciante ternana di cui TerniToday ha raccontato la storia nei giorni scorsi e che, a causa dell’emergenza Coronavirus, si ritrova senza lavoro e “senza un centesimo”.

Socia in un negozio in città, la donna – madre di due figli di 17 e 14 anni – ha visto i suoi redditi drasticamente ridotti da due mesi a questa parte, con l’esplosione della pandemia da Covid19.

“Sono una partita Iva, ho una piccola quota in una società che gestisce un negozio in città e da marzo siamo chiusi. Due settimane fa, così come consentito dai decreti del Governo, abbiamo riaperto. Ma incassare quaranta euro in un giorno è un miraggio. E questo, ovviamente, non basta a nessuno perché è impossibile mettere assieme uno stipendio”, ha raccontato la donna al nostro giornale.

La situazione si è ulteriormente complicata nel momento in cui la donna non ha potuto incassare i 600 euro previsti nel bonus Inps per le partite Iva né ottenere i buoni spesi distribuiti dal Comune di Terni.

Questo perché Paola, operata per tre volte per un tumore al seno, è titolare di una pensione di invalidità (“…l’ultimo assegno è stato di 470 euro…”) che viene ritenuto “incompatibile” sia con il sussidio Inps che con i ticket alimentari.

La sua storia ha suscitato molta attenzione e la nostra redazione ha ricevuto numerosi messaggi di interessamento.

C’è stata la ristoratrice che si è proposta per far arrivare un aiuto economico alla donna, l’imprenditore che si è detto disponibile a sostenerla o l’associazione che ha chiesto informazioni su come contattarla e magari fornirle un contributo.

Data la delicatezza della situazione, e per rispetto di tutte le persone coinvolte, preferiamo non rivelare l’identità di nessuno dei soggetti coinvolti.  Aggiungendo all’elenco anche un partito politico che, con il suo coordinatore comunale, si è direttamente interessato alla vicenda.

“Io non me la sento di accettare aiuti economici – è la risposta della donna - Volevo far sapere la mia storia. Ci sono persone anziane che stanno peggio di me. Non avrei immaginato tanta solidarietà, ma ripeto non leverei mai un centesimo a nessuno. Vorrei solo che gli enti mi aiutassero, come di diritto”.

E nella mattinata di oggi è arrivato anche l’interessamento del Comune di Terni che si è attivato per verificare il caso e per capire come poter fornire un aiuto concreto a Paola.

Bene.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • La profumeria ecobio e l’idea creativa di un’imprenditrice ternana: “Ispirata da una filosofia di vita”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • Non paga la dose di cocaina al pusher ed è costretto a cedergli i suoi valori personali. La polizia intrappola un 25enne di Orvieto

Torna su
TerniToday è in caricamento