Disabili, il centro Cad di Terni è una eccellenza: estendere il servizio anche alle altre strutture dell’Umbria

Interrogazione del consigliere regionale del Pd, Carla Casciari: è necessario offrire su tutto il territorio regionale questo efficace strumento di accoglienza

Il Centro accoglienza disabilità attivo presso l’azienda ospedaliera di Terni è un “efficace strumento” che va esteso alle “altre strutture ospedaliere dell’Umbria”.

Lo chiede con una interrogazione all’esecutivo di Palazzo Donini il consigliere regionale del Partito democratico, Carla Casciari, che sottolinea la necessità di “offrire su tutto il territorio un efficace strumento di accoglienza e presa in carico delle persone con disabilità e delle loro famiglie”.

Supereroi di tutti i giorni, così il Cad sconfigge le paure dei più fragili

Nell’atto ispettivo, Casciari spiega che “nel febbraio 2018 presso l'azienda ospedaliera Santa Maria di Terni è nato il Centro accoglienza disabilità (Cad) cui si può accedere direttamente o tramite un numero verde attivo dal lunedì al venerdì. Grazie all’attivazione di questo percorso, dedicato alle persone con disabilità complessa intellettivo-relazionale, l’azienda ospedaliera ternana è entrata a far parte della rete nazionale Dama che, oltre a Terni, comprende i nosocomi di Milano, Mantova, Varese, Bologna, Empoli, Bolzano e Cosenza. Il raggiungimento di questo lodevole traguardo è stato possibile anche grazie alla sinergia tra l'azienda ospedaliera e la associazioni di volontariato presenti sul territorio”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il consigliere regionale evidenzia dunque che “il modello di accoglienza ai servizi di diagnosi e cura che va sotto il nome di ‘Dama’ è rivolto alle persone con grave disabilità intellettiva e neuromotoria e si pone l'obiettivo di favorire l'accesso ai servizi intervenendo sull’organizzazione sanitaria, migliorando al contempo le risposte ai bisogni di salute e benessere. I punti caratterizzanti di questo modello sono la presenza di un’equipe multidisplinare dedicata e di personale volontario qualificato, la facilità di contatto con le famiglie mediate la creazione di un call center e la creazione di un archivio con i dati di tutti i pazienti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento