menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Niente botti in piazza, ecco l’ordinanza per il Capodanno sicuro

Vietato far esplodere fuochi artificiali e materiali pirotecnici in luoghi aperti e a meno di 200 metri da ospedali e case di cura. I trasgressori rischiano l’arresto fino a 3 mesi e multe fino a 206 euro

Al fine di garantire la sicurezza e l’incolumità dei cittadini nonché la tutela degli animali, il sindaco Leonardo Latini ha firmato l’ordinanza in vista del Capodanno sul corretto uso dei fuochi d’artificio.

Dalle 16 del 31 dicembre fino alle 24 del 1° gennaio 2019, è vietato far esplodere fuochi artificiali, petardi, botti, razzi e simili materiali pirotecnici in luoghi aperti al pubblico ed in vie, piazze ed aree pubbliche ove transitino o siano presenti i soggetti più fragili e gli animali, con particolare riguardo alle aree a distanze inferiori a 200 metri da ospedali, cliniche, luoghi di ricovero e cura, canili, fatte salve particolari autorizzazioni ai sensi e per gli effetti delle norme vigenti. I vari tipi di materiali pirotecnici, oltre che nei luoghi privati nel rispetto delle prescrizioni, potranno essere esplosi anche in zone isolate ma comunque a debita distanza da soggetti fragili e dagli animali, evitando tassativamente le zone affollate per la presenza di feste, riunioni o altri motivi e tutte le aree nelle quali l’esplosione del prodotto pirico potrebbe ingenerare incendi. I trasgressori, come previsto dall’articolo 650 del codice penale, rischiano l’arresto fino a tre mesi e la sanzione amministrativa fino a 206 euro.

“Abbiamo adottato una ordinanza a tutela della sicurezza e della pubblica incolumità - commenta Latini - con una particolare attenzione alle persone più fragili e agli animali ma senza privare la città della gioia della tradizionale festa. Sappiamo bene che è tradizione festeggiare il Capodanno con l’accensione e lo sparo di fuochi artificiali e per questo abbiamo ritenuto doveroso anche ricordare l’importanza di acquistare i prodotti esclusivamente presso rivenditori autorizzati e di non affidarli a minori, pur quando non espressamente loro vietati, nonché di non raccogliere eventuali petardi, botti o altri prodotti pirotecnici inesplosi che dovessero essere rivenuti”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La storia di un’artigiana ternana, dal riciclo del materiale di scarto alla trasformazione in pezzi unici: “Collane, bracciali, orecchini su misura”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento