Amici pericolosi, niente scuola e altri guai: il questore di Terni convoca i genitori dei “ragazzini difficili”

La polizia accende un faro sul disagio giovanile, attivati i servizi sociali e il tribunale per i minorenni di Perugia. Ecco i casi sotto la lente degli investigatori

Il “pugno duro” era stato anticipato dal questore di Terni, Roberto Massucci, qualche giorno dopo il dramma di Flavio e Gianluca, i due adolescenti ternani uccisi da un cocktail di “sostanze droganti”. Ed ora, i dati confermano la volontà di coinvolgere i genitori nella lotta contro il disagio giovanile. Un fenomeno che, seppure i dati dicano che Terni segue il trend nazionale, secondo la questura è “meritevole di attenzione”.

E così, decine di genitori sono stati convocate e incontrati dall’ufficio minori della questura di Terni a seguito dei controlli di polizia che hanno visto i loro ragazzi, tutti minorenni, protagonisti in “situazioni o frequentazioni potenzialmente pericolose”.

“I colloqui – fanno sapere da via Antiochia - tenuti dal questore, insieme con i propri collaboratori specializzati nel settore, sono stati svolti in un clima di accoglienza e totale reciproca disponibilità ad assumere le iniziative necessarie a supportare i ragazzi nelle loro scelte di vita”.

In particolare, durante il primo semestre di quest’anno, l’ufficio minori ha svolto attività per 21 nuovi casi di disagio giovanile segnalati alla procura della Repubblica presso il tribunale per i minorenni dell’Umbria; 7 sono stati gli aggiornamenti di casi già segnalati in precedenza e 3 gli accertamenti per dispersione scolastica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per le situazioni di particolare problematicità sono state attivate le strutture sociali disponibili, nonché la magistratura minorile ed, in particolare, la procura dei minori di Perugia, con il cui vertice, il procuratore Giovanni Rossi, sono stati condivisi tutti gli step di intervento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Apre a Terni: “Il punto vendita di intrattenimento più grande del centro Italia”. Dalle difficoltà del Covid al coraggio di investire

  • Nasce il primo ristorante fantasma in città. L’idea di un giovane ternano: “Voglio contribuire al rilancio del nostro territorio”

  • Donna trans accoltellata di notte nella sua abitazione in via Battisti. Ricoverata al Santa Maria

  • Valigie di droga dal Pakistan a Terni. Decapitata la cupola dei signori dell'eroina

  • Trecento posti di lavoro ma anche una nuova clinica privata: ecco il nuovo Liberati

  • Bliz della squadra mobile, vasta operazione antidroga a Terni: “Indagine articolata e complessa iniziata oltre un anno fa”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento