Ruba lo stipendio alla collega, insospettabile nei guai

La donna 60enne le avrebbe preso il bancomat dalla borsa insieme al pin e prelevato i soldi appena ricevuti, incastrata dalle telecamere è stata denunciata per furto aggravato

I soldi prelevati al bancomat

Vatti a fidare. Un attimo di distrazione e si è vista sfilare il bancomat con il pin dalla collega di lavoro che è riuscita a portarle via dal conto lo stipendio appena ricevuto. Ma che non è riuscita poi a farla franca.

Protagoniste della storia due volontarie "che lavorano in un ufficio pubblico", riferisce la questura (si tratterebbe del Comune di Terni), pressoché coetanee, ultrassentacinquenni. La vittima, il 27 agosto scorso, giorno di pagamento dello stipendio, si era momentaneamente allontanata dall'ufficio lasciando la borsa sulla sedia. Rientrata dopo la breve assenza aveva scoperto che dalla borsa mancavano sia il bancomat che il foglietto doveva teneva scritto come promemoria il pin. Poco dopo la scoperta la donna ha visto rientrare in ufficio la collega che le aveva riferito di essere uscita per sbrigare delle faccende. Ma come per magia nella borsa sono riapparsi sia la tessera che il foglio.

Il sollievo per aver ritrovato il bancomat è tuttavia tramutato tutto in rabbia quando dal successivo controllo sul conto ha constatato che era stato prelevato l'intero importo dello stipendio che aveva appena ricevuto. Nella denuncia alla polizia la signora ha subito puntato il dito contro la collega come possibile sospettata del furto e ad incastrarla, dopo una breve indagine, ci hanno pensato le immagini delle telecamere poste sopra lo sportello bancomat dalle quali si vede la donna prelevare del contante nell'arco di tempo in cui si era assentata dall'ufficio.            

Gli agenti, una volta rintracciata, hanno cercato di convincerla a restituire i soldi dicendole che, se lo avesse fatto, la collega avrebbe potuto ritirare la denuncia alleggerendo in questo modo la sua posizione. Ma la donna ha continuato a ripetere che lei si trovava lì per prelevare dal suo conto. Così per lei - incensurata e insospettabile - ieri è scattata la denuncia per furto pluriaggravato dalla destrezza e dall’abuso di relazioni di ufficio e resta da capire come il suo comportamento possa ora compromettere il proprio rapporto di lavoro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • La storia | "I miei inquilini sono morosi da mesi. Sto pagando tutto io". Lo sfogo di una cittadina di Terni

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • Tragedia ad Arrone, muore una giovane mamma: “Siamo tutti sotto choc, increduli e scossi”

Torna su
TerniToday è in caricamento