rotate-mobile
Cronaca

Terni, soldi che ‘viaggiano’ tra Italia e Romania: “Incamerati 13 milioni di euro”

La situazione dei patrimoni illeciti nel territorio: “Un circuito tenuto in piedi con la regia calabrese”

“Inseguire i patrimoni per trovare gli autori. Non lo dicevo io, ma due eroi come Falcone e Borsellino”. Con una citazione il procuratore Alberto Liguori, durante la conferenza stampa di venerdì mattina, ha introdotto il tema dei patrimoni illeciti inseguiti nel territorio ternano. Cifre rilevanti quelle dichiarate dal procuratore, con l’inchiesta che ha fatto emergere una “regia calabrese” nella vicenda. Si tratta di 13 milioni di euro incamerati nei patrimoni che hanno ‘viaggiato’ tra Italia e Romania. 

“A distanza di anni dal mio arrivo a Terni - ha affermato il procuratore - ora ci sono meno prenditori che fanno concorrenza sleale non pagando il costo del lavoro e l’erario. A oggi abbiamo già incamerato 13 milioni di euro tra Italia e Romania, tutto con prove documentate”. 

Dai soldi inseguiti, il circuito dei patrimoni illeciti ha preso forma: “C’era un circuito con la regia calabrese. Abbiamo svolto il lavoro senza pentiti e collaboratori ma a fonti aperte, sapendo leggere le banche dati e i conti correnti bancari”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terni, soldi che ‘viaggiano’ tra Italia e Romania: “Incamerati 13 milioni di euro”

TerniToday è in caricamento