Vatileaks 2, naufraga a Roma l'inchiesta partita da Terni

Archiviate le posizioni dei nove indagati tra cui Paolo Berlusconi e Francesca Chaoqui finiti nelle intercettazioni della procura ternana sui guai della Diocesi e la compravendita del castello di Narni

Francesca Chaoqui

Naufraga a Roma l'inchiesta denominata Vatileaks 2 che era partita da Terni mentre la procura indagava sui guai della Diocesi. Il giudice per le indagini preliminari della Capitale ha infatti archiviato, su richiesta della procura, le posizioni delle nove persone coinvolte nella vicenda accusate a vario titoli di concussione per induzione. Tra gli indagati anche l'editore Paolo Berlusconi, fratello dell'ex premier e leader di Forza Italia, e la pr Francesca Immacolata Chaouqui.

L'inchiesta era arrivata a Roma nel 2015 dalla procura di Terni che indagava sulla compravendita del castello di San Girolamo a Narni, vicenda per cui sono a giudizio sei persone tra cui l'ex sindaco di Narni, Bigaroni, e altri funzionari del Comune narnese. Nei confronti di Berlusconi e Chaouqui, ex componente della Commissione della Santa Sede per gli affari economici, l'accusa ipotizzata era di concussione per induzione. Il nome del fratello dell'ex presidente del Consiglio era comparso nell'inchiesta umbra per una serie di intercettazioni tra lui e la pr. Nelle telefonate la Chaoqui avrebbe garantito il suo intervento in relazione ad istanze di rogatorie giunte in Vaticano relative ad affari di Silvio Berlusconi. La donna, in sostanza, assicurava al suo interlocutore di avere la possibilità di poter intervenire sulla magistratura vaticana. Le indagini svolte - come riporta l'Ansa - non hanno "supportato le ipotesi" accusatorie e i pm Stefano Pesci e Nicola Maiorano hanno, quindi, sollecitato l'archiviazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra le persone coinvolte e prosciolte anche un importante imprenditore forlivese attualmente segretario particolare del noto critico d'arte Vittorio Sgarbi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento