rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Cronaca

Terni violenta, il sindaco: “Grazie alla questura, domani si riunisce il comitato per l’ordine e la sicurezza”

Il primo cittadino Latini dopo l’accoltellamento e la rissa in centro: viviamo una fase particolare in cui sono azzerate le occasioni di socializzazione per i giovani. Pd e 5S: su sicurezza e politiche di sviluppo, la Giunta ha fallito

Si riunisce domani il comitato per l’ordine e la sicurezza. La convocazione arriva a seguito della richiesta inoltrata dal sindaco di Terni, Leonardo Latini, dopo che sabato sera il centro della città è stato teatro di una rissa fra ragazzi e di un accoltellamento.

“Come sappiamo – spiega il primo cittadino – la situazione non è semplice sotto molti aspetti e soprattutto stiamo tutti vivendo una fase molto particolare e prolungata nella quale sono completamente cambiate le modalità della nostra vita in comune e sono diminuite, se non azzerate, le occasioni di socializzazione sana per i giovani”.

“Esprimo apprezzamento, così come tutti i nostri concittadini, per l’operato delle forze dell’ordine e ringrazio in particolare la questura che anche stavolta, in maniera molto tempestiva, ha individuato e assicurato alla giustizia l’autore dell’accoltellamento di ieri sera e i partecipanti alla rissa. Un segnale importante a dimostrazione che a Terni le regole ci sono, vengono fatte rispettare e chi le viola ne paga le conseguenze”.

“Anche per questo – spiega dunque Latini - per verificare insieme alle altre istituzioni coinvolte la situazione e le misure ulteriori da adottare, ho chiesto a sua eccellenza il prefetto la convocazione del comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica che si riunirà già nella giornata di domani (lunedì 8 marzo, ndr) a dimostrazione della grande sintonia su questi temi tra tutte le istituzioni coinvolte”.

I fatti di sabato diventano però oggetto anche di confronto politico, con l Partito democratico e il Movimento 5 Stelle che parlano di “fallimento della giunta Latini” sia sui temi della sicurezza che su quelli delle politiche giovanili e di sviluppo economico.

“Negozi chiusi, ztl aperta e risse nel cuore della città. Il fallimento della giunta Latini in tema di sicurezza è sempre più evidente – attaccano in una nota i due gruppi consiliari - e sta assumendo contorni drammatici. Solo il caso ha evitato che gli ultimi due episodi di violenza accaduti a distanza ravvicinata in pieno centro non si trasformassero in tragedia. Tragica è invece la gestione della città proprio sul tema intorno al quale Lega e Fratelli d’Italia hanno vinto nel 2018 le elezioni comunali, promettendo un cambiamento che in realtà si è dimostrato solo fumo negli occhi per raccogliere voti”.

“Hanno gridato ai quattro venti ai ternani che sarebbero stati in grado di risolvere i problemi legati alla sicurezza, al decoro, all’ordine – proseguono Pd e 5S - Hanno promesso controlli, pattugliamenti e telecamere in ogni angolo della città. Oggi i nodi vengono al pettine e la città vive un caos diffuso. Risse, spaccio, mancanza di decoro urbano, discariche diffuse, incuria. A questi problemi si somma l'assenza di visione e prospettive economiche. L'assenza di politiche di sviluppo, politiche giovanili e sociali. Oggi più che mai il fallimento di questa nuova stagione politica è evidente. Terni è priva di guida ed i ternani ne pagano purtroppo le conseguenze”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terni violenta, il sindaco: “Grazie alla questura, domani si riunisce il comitato per l’ordine e la sicurezza”

TerniToday è in caricamento