menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Trasportava due giovani clandestini a sua insaputa tra Narni e Montoro. Uno dei due è positivo al covid-19

L'autista del tir sembra fosse all'oscuro della presenza dei due giovani nel rimorchio sigillato. In corso ulteriori indagini per capire dove e in quali circostanze i due siano saliti a bordo del veicolo

Nei giorni scorsi una pattuglia della Stradale di Terni in transito sulla SS675, ha intercettato il conducente di un tir, risultato essere di nazionalità serba, che stava attirando l’attenzione degli agenti facendo ampi cenni con le braccia con l’intento di farsi seguire e raggiungere.

Insospettiti dall’accaduto, gli agenti sono riusciti a fermare il mezzo all’altezza dello svincolo di Narni Montoro. Dopo le prime dichiarazioni del conducente, era emersa una triste sospetto: dall’interno del semirimorchio si sentivano dei colpi e delle voci. Dopo aver scortato il veicolo in luogo idoneo e chiesto l’ausilio di personale della locale questura, dei Carabinieri di Narni e di un’ambulanza, gli operatori hanno rimosso il sigillo apposto sui portelloni di carico posteriori del semirimorchio. Sul dispositivo di sicurezza di sicurezza, c'era apposta la sigla "HR Stato Croazia" riconducibile all’autorità che aveva provveduto alla piombatura.

All'interno del vano di carico, stipati sopra i bancali di mangimi per animali, vi erano due uomini, con un’età apparente di circa 20 anni, che non parlavano né comprendevano la lingua italiana né l'inglese, sprovvisti, inoltre, di documenti d’identità.

Viste le precarie condizioni fisiche in cui versavano, i due giovani sono stati imediatamente trasportati dal personale sanitario a bordo dell’ambulanza e scortati dalla volante della questura di Terni al Santa Maria per essere sottoposti alle cure del caso nonché agli accertamenti covid-19.

Uno dei due ragazzi è risultato positivo al covid-19 dopo il tampone mentre l’altro, che dichiarava di essere minorenne, essendo stato a stretto contatto è stato sottoposto a quarantena obbligatoria e successivamente affidato ai servizi sociali del comune di Terni.

Dalle informazioni raccolte dagli inquirenti, è emerso che il conducente del veicolo era all’oscuro della presenza dei due ragazzi nascosti all’interno del vano di carico del semirimorchio. E la sua versione al momento appare credibile, anche se proseguono le verifiche sulle circostanze in cui i due siano saliti sul veicolo in territorio straniero, visto che la piombatura apposta come sigillo era intatta, come il telone posto a copertura su tutta la superficie.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento