“A tre anni dal terremoto macerie, bruttezze da selfie e marketing di basso cabotaggio”

Sisma di Amatrice, il commento: da allora non abbiamo più la casa, prego per i morti e per i loro famigliari

La basilica di Norcia dopo il terremoto

Tre anni fa il terremoto. Io non c’ero, ma Antonella e i ragazzi sì.

andrea fabbri-2Io stavo a 250 km per lavoro. Dormivo, ignaro della catastrofe. È vero: io non l’ho sentito, ma alzarsi alle 8, accendere la tv piena di immagini e grida, riaccendere il telefonino e accorgersi che i tuoi hanno provato a cercarti infinite volte senza successo posso assicurarvi che non è un bel momento.

Da allora non abbiamo più la casa di proprietà (della banca). Siamo riusciti a salvare qualcosa, forse un terzo del mobilio e pochissimo degli effetti personali.

Sono passati tre anni. Tre commissari di Governo uno peggio dell’altro. Ora probabilmente si va per il quarto. E tutto, tutto è come allora. Per tutto intendo tutto ciò che non è pubblico e ubicato nei punti strategici dello struscio turistico. Lì, almeno, hanno avuto la decenza di rimuovere le macerie e di trasformare i ruderi in “bruttezze” da selfie. Una strategia di marketing di basso cabotaggio, però almeno qualcuno può aggrapparsi all’illusione della ripresa. Miraggio psicologicamente molto importante.

A tre anni dal sisma mortale di Amatrice, Norcia è una moderna Pompei. Solo che non si paga biglietto di ingresso. Al più si consuma un pasto in uno dei ristoranti delocalizzati. Troppo poco per sostenere l’economia antesisma. I nursini resistono. Gente di montagna con la tempra rocciosa. Ma nessuno è highlander. La vita scorre, le esigenze cambiano e qui - al di là delle parole e dei giochi d’estate - è tutto fermo. Come una rondine non fa primavera, anche 10 case classe E rimesse a posto sulle centinaia in attesa fanno zero virgola.

Tre anni dal terremoto. Volevo scrivere qualcosa di importante. Mi vengono in mente solo un Padre Nostro e un’Ave Maria per i morti di Amatrice dei quali molti di noi si ricordano soltanto in queste occasioni. Prego per loro e per i loro famigliari: è l’unica cosa seria da fare. Oggi e domani.

*giornalista de La Nazione
Tratto dal suo profilo facebook

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • La storia | "I miei inquilini sono morosi da mesi. Sto pagando tutto io". Lo sfogo di una cittadina di Terni

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • Inizia il week-end "arancione". Ecco cosa si potrà fare e cosa no

Torna su
TerniToday è in caricamento