“A tre anni dal terremoto macerie, bruttezze da selfie e marketing di basso cabotaggio”

Sisma di Amatrice, il commento: da allora non abbiamo più la casa, prego per i morti e per i loro famigliari

La basilica di Norcia dopo il terremoto

Tre anni fa il terremoto. Io non c’ero, ma Antonella e i ragazzi sì.

andrea fabbri-2Io stavo a 250 km per lavoro. Dormivo, ignaro della catastrofe. È vero: io non l’ho sentito, ma alzarsi alle 8, accendere la tv piena di immagini e grida, riaccendere il telefonino e accorgersi che i tuoi hanno provato a cercarti infinite volte senza successo posso assicurarvi che non è un bel momento.

Da allora non abbiamo più la casa di proprietà (della banca). Siamo riusciti a salvare qualcosa, forse un terzo del mobilio e pochissimo degli effetti personali.

Sono passati tre anni. Tre commissari di Governo uno peggio dell’altro. Ora probabilmente si va per il quarto. E tutto, tutto è come allora. Per tutto intendo tutto ciò che non è pubblico e ubicato nei punti strategici dello struscio turistico. Lì, almeno, hanno avuto la decenza di rimuovere le macerie e di trasformare i ruderi in “bruttezze” da selfie. Una strategia di marketing di basso cabotaggio, però almeno qualcuno può aggrapparsi all’illusione della ripresa. Miraggio psicologicamente molto importante.

A tre anni dal sisma mortale di Amatrice, Norcia è una moderna Pompei. Solo che non si paga biglietto di ingresso. Al più si consuma un pasto in uno dei ristoranti delocalizzati. Troppo poco per sostenere l’economia antesisma. I nursini resistono. Gente di montagna con la tempra rocciosa. Ma nessuno è highlander. La vita scorre, le esigenze cambiano e qui - al di là delle parole e dei giochi d’estate - è tutto fermo. Come una rondine non fa primavera, anche 10 case classe E rimesse a posto sulle centinaia in attesa fanno zero virgola.

Tre anni dal terremoto. Volevo scrivere qualcosa di importante. Mi vengono in mente solo un Padre Nostro e un’Ave Maria per i morti di Amatrice dei quali molti di noi si ricordano soltanto in queste occasioni. Prego per loro e per i loro famigliari: è l’unica cosa seria da fare. Oggi e domani.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

*giornalista de La Nazione
Tratto dal suo profilo facebook

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La protesta a Terni contro le restrizioni del Dpcm. Il corteo da piazza Tacito a Palazzo Spada: "Libertà"

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Incidente su via Battisti. Un motociclista falciato e portato con urgenza al pronto soccorso

  • “Angeli” in corsia nell’ospedale di Terni, la lettera: “Grazie per l’assistenza e la disponibilità verso nostra madre”

  • Coronavirus, ordinanza restrittiva di ‘Halloween’: spostamenti solo motivati da autodichiarazione. Chiudono le scuole

  • Coop contribuisce a combattere il Coronavirus: “Abbassato il prezzo delle mascherine chirurgiche in vendita nei negozi”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento